domenica 14 Aprile 2024

Direttore Responsabile: Magda Bersini

spot_img

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

“ESSERE UN FARO, NON UN GIUDICE!”

Cara dottoressa, sono lieta di aver conosciuto Ludovico, un ragazzo gentile e paziente che non mi giudica e mi fa sentire accettata per quella che sono. Mi sentivo una donna sfortunata perché venivo sempre vista come una donna sbagliata visto che in passato sono stata l’amante di un un facoltoso uomo sposato e poi una prostituta seppur per un breve periodo. Solo Ludovico mi conforta e non mi giudica ma sento sempre un demonio dentro di me e corro a cercare conforto nelle braccia di chi non mi giudica, questo mi fa stare bene insieme al mio uomo.
Alla luce della tua vasta esperienza nel sociale e per i preziosi consigli che dai, cosa ne pensi?
Io intanto mi trovo bene con Ludovico e ringrazio il Signore che me lo ha fatto incontrare, senza di lui, oggi sarei una fallita, per questo, mi trovo bene in questa relazione considerato che il passato non mi lascia in pace come vorrei ed ogni tanto, torna nella mia mente, lui è il mio angelo salvatore.
Antonietta da Oderzo (provincia Tv)



Ricordo un giovane pasticcere che incontrai tempo fa per presentare un mio libro nella sua pasticceria, un uomo molto più basso di me, che, dopo avermi ascoltato, mi propose di parlare del mio progetto alla cugina, lui scappò via da me subito, pensai, si sentisse a disagio perché di bassa statura.
Fu un incontro strano con un ragazzo che si defilò come se io fossi un demonio. Ho saputo poi che, quel giovane fuggente, era ed è pieno di fantasmi nella sua mente, di paure, vuoti, insicurezze e con il terrore di essere giudicato dalle donne, motivo per cui, dice di aver scelto una donna perché non lo giudica.
Io non ero un giudice né sapevo nulla della crisi personale del pasticcere ma fuggì anche da me, segno che scappava da tutte senza capire.


Riguardo la donna che lo ha reso padre, mi chiedo cosa dovrebbe giudicare lei?
Chi dice che la compagna del pasticcere sia quella giusta?
Potrebbero essere due persone con problemi e, per questo, lei si astiene dal giudicare.
Anzi, per come lei si presenta con dei selfie sui social, sembra essere non meno squilibrata di lui, si tratta ovviamente di una mia impressione ma non credo di sbagliarmi di molto, di certo, non rende l’ idea di madre e compagna tutta ordine mentale.


E comunque, aggrapparsi a qualcuno per evitare le proprie ombre e fantasmi, è una dipendenza, non è un amore sano, cosa succede se il partner /salvatore lascia poi la persona che si era aggrappata?
Bisogna stare bene prima da soli per poi riuscire a vivere serenamente una storia
d’amore, altrimenti diventa un tentativo di cura affidandosi a qualcuno che però non porterà mai alla guarigione.
Un amore deve spronare al volo in autonomia, come un genitore che insegna al bambino a camminare poi da solo, la dipendenza non è sana.
Tuffarsi nelle braccia di qualcuno, deve restituire coraggio e forza, non si può trasformare un partner in uno psicologo/psichiatra, gli si dà un peso enorme.


Chiedi aiuto, è lo stesso consiglio che darei oggi al pasticcere che non è mai guarito dai suoi fantasmi ed ombre, nessuno deve pesare su un’altra persona, tanto più che quasi nessuno è in grado di curare, se non un professionista esperto.
Senza voler parlare di fatti di cronaca ma siamo pieni di esempi negativi di coppie in cui uno dei due ha dei disturbi mai risolti con chi di dovere, sono le personalità disturbate che cercano un partner/vittima.


Antonietta, valuta il tuo ragazzo per le sue qualità, non legarti a lui come un malato di mente si lega allo psicoterapeuta, ogni relazione deve essere pulita da dipendenze, il fatto che non ti giudica incide di certo sulla tua autostima ma non può essere il solo collante della vostra relazione.
Dovresti semmai farti illuminare da chiunque sia in grado di farlo nella vita (anche
un’amica può) ma non temere mai il giudizio delle persone perché non potrai mai esimerti dall’incontrare persone che non sanno fare nulla nella loro vita ma che giudicheranno sempre quella degli altri.

“SONO POCHE LE PERSONE CHE PENSANO, PERÒ TUTTE VOGLIONO GIUDICARE!” Cit.

Chiunque può scrivere un messaggio privato alla dottoressa Alessandra Hropich su questioni sentimentali, al seguente link:
https://www.facebook.com/La-mia-Posta-del-cuore-104883382245294/

SETTE DONNE PER OGNI UOMO!

Salve, sono Sandro, ho una moglie che mi ha...

ESAURITO FRADICIO CERCA RELAX!

Ho un marito che mi chiede talvolta un consiglio...

“NON TRADISCO MIA MOGLIE, SPERIMENTO LE DONNE A FINI STATISTICI!”

Sono un uomo serio ed affascinato dalla mente femminile,...

SONO RISORTO, SENZA MIA MOGLIE!

Ne approfitto, cara Alessandra, per augurarti una buona Pasqua,...

SOLO LE DONNE SONO CORNUTE?

Salve gentilissima Alessandra, sono una moglie discretamente soddisfatta della...

INTERVISTA AL DIRETTORE GENERALE OSPEDALE UMBERTO I DI ROMA, DOTTOR FABRIZIO D’ALBA

Il Dottor Fabrizio d'Alba è confermato Direttore generale per...

UN MIRACOLO MI HA RIDATO MIO MARITO!

Sono Giovanna, mi sposai per amore la bellezza di...

UNA DONNA CHE VUOLE TUTTO, SENZA DARE NIENTE!

Convivo con una ragazza di cui noto da tempo...

VEDO SOLO LEI!

Dottoressa Hropich, sono sposato da cinquanta anni tondi tondi,...

DONNE GIUSTE IN MANI DI UOMINI SBAGLIATI E VICEVERSA!

Sono fidanzata da quattro anni con Giorgio, un uomo...