venerdì 9 Dicembre 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

CINTANO – Un’edizione del Canta El-vira speciale per i 40 anni dei Cantori Salesi (FOTO E VIDEO)

Grande partecipazione all'evento, giunto alla quarta edizione

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:

CINTANO – È stata un successo la quarta edizione del Canta El-vira organizzata dall’Unione Sportiva di Cintano, dai Cantori Salesi e dalla Pro Loco Colleretto Castelnuovo, con il patrocinio del Comune di Cintano. Domenica scorsa, 23 novembre 2022, numerose persone hanno partecipato all’evento: un percorso enogastronomico accompagnato dalla musica.

Le tappe erano otto, durante le quali si potevano gustare prelibate portate e ascoltare un coro cantare.
Al pomeriggio poi, i cori si sono esibiti nel salone comunale. La Corale Gatt Ross (Farigliano – CN), la Cantoria di Castelnuovo Nigra, la Corale Bilacus (Bellagio – CO), il Coro Bajolese (Baio Dora); il Gruppo Mare Tera (Barge – CN), i Piccoli Cantori della Valle Sacra,

Piccolo Castellano, Le Voci del Canavese (Cuorgnè), il Gruppo spontaneo canavesano e, in chiusura, i Cantori Salesi, hanno allietato il folto pubblico intervenuto.

Un momento commovente anche per il traguardo raggiunto dal Coro dei Cantori Salesi: i 40 anni di attività. Marco Picchiottino, Maestro e coordinatore, ha raccontanto la nascita del Coro e ricordato coloro che hanno contribuito e lavorato con impegno per tramandare i canti popolari del territorio.

“Abbiamo realizzato anche una mostra fotografica – ha spiegato Picchiottino – che è stata esposta tutta l’estate a Castelnuovo Nigra ed ora è qui a Cintano. Il primo nome del Canta El-vira uscito era il Canta Barcolla, che già rendeva l’idea. Poi ad Alessio è giustamente venuta l’idea del Canta El-vira, con quel trattino in mezzo, che significa canta e gira intorno, ma che è stata anche una persona realmente esistista e protagonista di una bellissima canzone. Desidero ricordare tutti coloro che ci hanno permesso di essere qui ora, a partire da Giampietro Delmaso, precedente Maestro del Coro, e ringraziare Amerigo Vigliermo perchè grazie a lui possiamo ancora cantare determinati canti che altrimenti sarebbero andati persi. A lui veramente ancora un grande ringraziamento.”

A posare le basi per la nascita dei Cantori Salesi furono Battista Giacoma Pin con i suoi amici Franco e Tonino Bertoglio. Apparentemente schivo, timido, “Batista da Scandos” (così era chiamato dalla frazione di Sale dove era nato nel 1931) aveva una grande sensibilità e competenze per le tradizioni di Castelnuovo Nigra.

Gianpietro Dalmaso, fin dall’inizio maestro e coordinatore dell’attività del Gruppo, paragona Battista a un albero di noce, che quando lo scuoti a volte non lascia cadere nulla, altre volte qualche foglia secca e, in occasioni più fortunate, è capace di regalarti copiosi frutti.

Verso la fine degli anni ’70 Battista invitò, attraverso un amico comune (Annibale Giacoletto Papas), il coro Bajolese, nel locale a quel tempo da lui gestito. La serata di canti, con divagazioni gastronomiche di alta scuola, sottintendeva in realtà la volontà di creare l’occasione per concordare l’inizio di una attività canora con la loro collaborazione.

Nasceva così un gruppo di Cantori in Valle Sacra (la valle di Costantino Nigra, grande etnomusicologo), che non fosse un gruppo puramente imitativo, ma che continuasse le ricerche. Idealmente il Gruppo nacque quella sera, ma l’incubazione durò un po’ di più. Poi Gianpietro Dalmaso, un corista appassionato, si assunse, tra l’entusiasmo di tutti, l’incarico ufficiale di maestro del Coro. Ora, a proseguire le orme di Dalmaso è Marco Picchiottino, che si dedica molto anche a far crescere e a plasmare piccole nuove voci.

© Riproduzione riservata

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img