martedì 3 Agosto 2021
martedì, Agosto 3, 2021
spot_img

CUORGNÈ – Pronto Soccorso: non tutti i Sindaci d’accordo sul fare pressione per la riapertura

Il vice Presidente della Commissione Sanità Regionale, Andrea Cane, e gli Amministratori di Ceresole Reale, Locana e Favria dichiarano di non essere stati interpellati per la lettera inviata come Zona Omogenea 8 – Canavese Occidentale

CUORGNÈ – Sempre per quanto concerne la chiusura del Pronto Soccorso di Cuorgnè, non è d’accordo con il Sindaco di Rivarolo Canavese, Alberto Rostagno, il Consigliere Regionale e vice Presidente della Commissione Sanità, Andrea Cane, e, con lui, alcuni sindaci.

Rostagno, qualche giorno fa, aveva inviato una lettera all’Assessore alla Sanità Luigi Icardi e al Direttore Generale dell’Asl To4, Stefano Scarpetta, in veste di “Portavoce della Zona Omogenea 8 – Canavese Occidentale”, per sottolineare il disagio causato dalla chiusura del Pronto Soccorso, chiedendo un incontro a nome di tutti i Sindaci della zona di cui è portavoce.

“Non tutti i sindaci si sentono rappresentati dalla lettera che è stata inviata nei giorni scorsi all’Assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Luigi Icardi, e al DG dell’Asl TO4, Stefano Scarpetta, – dichiara il vice Presidente della Commissione Sanità Andrea Cane – per la riapertura immediata del pronto soccorso dell’ospedale di Cuorgnè, chiuso da novembre 2020 e trasformato in reparto Covid.

Ho voluto interpellare alcuni Sindaci del territorio, – prosegue – io stesso sono anche consigliere comunale e rappresento quindi anche Ingria il Comune in cui risiedo, pure a Venaria durante il ritiro della bandiera del Piemonte e la situazione non mi pare proprio quella descritta dalla lettera inviata all’Asl. Trovo assolutamente scorretto scrivere delle missive e dei comunicati stampa facendo parlare degli interi territori per scopi personali o politici e in questo senso ribadisco la mia piena disponibilità insieme a quella dell’Assessore Icardi tramite il Dott. Scarpetta ad interagire coi cittadini e con gli amministratori locali per trovare tutti insieme una soluzione. D’altra parte nelle ultime settimane il nuovo Direttore Generale so di per certo che abbia incontrato più volte diversi Sindaci della zona, tra cui anche Alberto Rostagno: da parte mia ribadisco la mia massima disponibilità a collaborare con tutte le istituzioni portando anche la voce dell’Assessore Icardi che ha la mia massima stima e fiducia per il lavoro che sta svolgendo da inizio pandemia ad oggi, non certo facile, anzi; personalmente non mi interessa passare le giornate al telefono per fomentare i Sindaci contro la Regione che io stesso rappresento e creare inutili allarmismi verso i cittadini! Preferisco lavorare con le istituzioni sanitarie di concerto con gli Amministratori dei nostri enti locali per trovare al più presto una soluzione per questa grave carenza di personale che l’Asl ha ben spiegato nel suo ultimo comunicato: quando si parla di salute delle persone, i vari personalismi penso sia meglio lasciarli temporaneamente in un cassetto, di qualsiasi formazione politica si faccia parte”.

“In merito alla lettera inviata dal sindaco di Rivarolo Canavese all’assessore Icardi per la riapertura del pronto soccorso di Cuorgnè – spiega oggi il vice Sindaco di Ceresole Mauro Durbano insieme al Sindaco Alex Gioannini – come amministratori di Ceresole Reale teniamo a fare alcune precisazioni. Innanzitutto non abbiamo mai condiviso alcun documento in merito né dato mandato ad alcuno di rappresentare la nostra idea. Infatti, ben comprendiamo le difficoltà nella riapertura, legate alla mancanza di personale e chiaramente espresse dal direttore Scarpetta. Riteniamo che, qualora il pronto soccorso venisse riaperto, ciò dovrebbe essere fatto soltanto nel momento in cui si sia in grado di garantire il massimo standard di qualità per gli utenti. Abbiamo piena fiducia nell’operato dell’assessore Icardi e siamo sicuri che opererà nel migliore dei modi per il nostro territorio, anche grazie alle costanti attenzione e disponibilità al dialogo sempre dimostrate”.

Posizione molto neutra anche da parte del vice Sindaco di Locana Mauro Guglielmetti e del Sindaco di Favria Vittorio Bellone. “Anche noi non siamo stati interpellati e coinvolti nell’iniziativa – commentano durante la cerimonia del drapò che ha riunito i sindaci – capiamo che le risorse non si possono moltiplicare, il nostro territorio sta offrendo una capillarità tale di punti vaccinali che certamente toglie personale alla sanità. Il pronto soccorso di Cuorgnè é strategico ma se deve riaprire lo deve fare in sicurezza e ad oggi le risorse non sono garantite. Siamo certi che, sia l’Asl che l’assessore Icardi, abbiano ben chiaro il problema e ci sia tutto l’impegno per riaprire la struttura in sicurezza e con turni adeguati per i lavoratori della sanità”.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img