venerdì 7 Maggio 2021

CUORGNÈ – “Sport in Piazza”: educazione e attività fisica per far divertire i bambini (FOTO e VIDEO)

CUORGNÈ – Questa volta nessuna nuvola minacciosa all’orizzonte, ma un bel cielo terso e un sole caldo hanno fatto da cornice alla manifestazione “Sport in Piazza”, tenutasi nella giornata di domenica 2 ottobre.

Previsto inizialmente per il 17 e 18 settembre scorso ma rinviato a causa del meteo incerto, Sport in Piazza ha trasformato la centralissima piazza Martiri in un enorme campo da gioco dove grandi e piccoli hanno potuto cimentarsi nelle più svariate discipline sportive. Da quelle più tradizionali come il calcio e la pallavolo, passando per le arti marziali, il basket e la danza, arrivando sino al tiro con l’arco e il baseball. Anche per quest’edizione riconfermato il “Girosport”, ovvero la possibilità per ogni “atleta” di avere in omaggio un premio: oltre 220 i partecipanti totali alla giornata.

Soddisfatto e sollevato per le condizioni climatiche questa volta favorevoli l’assessore allo sport Davide Pieruccini (stop):“Per fortuna il meteo questa volta ci ha aiutato e siamo riusciti ad organizzare questo evento che per noi è basilare. Siamo riusciti a portare in Piazza Martiri, il centro di Cuorgnè, tutte le associazioni sportive che hanno così l’opportunità di farsi conoscere e potersi promuovere. Diversi i gruppi che vengono anche da fuori Cuorgnè, come il baseball che ha allestito una fantastica struttura dove provare ad eseguire qualche battuta. Sport in piazza è un contenitore di sport e non deve essere mirato solo alle attività sportive tradizionali ma anche a quelle meno praticate”

Sport in piazza nasce come un momento ricreativo per far divertire i bambini e avviarli ad una sana attività motoria tenendo inoltre sempre presente la dimensione educativa che lo sport deve rivestire nella crescita dei ragazzi, come sottolineato dal consigliere delegato all’istruzione Antonella D’Amato (stop): “L’iniziativa nasce in stretta collaborazione con il mondo dell’istruzione nel tentativo di creare sinergia fra scuole, associazioni sportive e istituzioni per far crescere i ragazzi nell’ottica dell’aggregazione. Perché fare sport vuol dire star bene e crescere uniti.

GUARDA IL VIDEO

GUARDA LE FOTO

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img