FORNO CANAVESE – Un estorsione messa in atto contro un quindicenne da parte di due coetanei. “Se non vuoi essere picchiato ci devi pagare”.

Per evitare le botte, il ragazzo ha versato per tre mesi, con cadenza settimanale dellebullismo somme di denaro. Dal momento che il ragazzo non è più riuscito a procurarsi il denaro, è stato costretto con le minacce a spacciare hashish.

I Carabinieri, dopo aver svolto le opportune indagini, in seguito alla segnalazione dello stesso giovane, hanno ricostruito la vicenda che era partita da dicembre 2015 fino allo scorso febbraio.

Per i due bulli, di cui adesso si occuperanno la procura e il tribunale per i minorenni, è stato disposto “l’obbligo di permanenza in casa”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here