CUORGNÈ – «Il prossimo anno scolastico, presso l’asilo nido Gli Sbirulini, si svolgerà con le attuali modalità.»

Frase pronunciata dal Sindaco Beppe Pezzetto durante il Consiglio Comunale di ieri, e che ha provocato un applauso scrosciante e un disegno in dono da parte Cuorgne consiglio (6)delle mamme e dei piccoli presenti

«L’Amministrazione ha avviato da tempo un percorso teso a garantire un ampliamento dell’offerta del servizio “asilo nido” con una diversa modalità gestionale. – Ha dichiarato il primo cittadino in apertura di seduta – In quest’ottica, sia il Consiglio che la Giunta Comunale hanno adottato specifici atti di indirizzo per gli Uffici. Nei primi mesi del 2015 è stato presentato il Disegno di Legge n. 1260 ad oggetto “Disposizioni in materia di sistema integrato di educazione e istruzione dalla nascita fino ai sei anni e del diritto delle bambine e dei bambini alle pari opportunità di apprendimento”. Il disegno di legge prevede la rimozione della separazione che esiste oggi tra l’asilo nido (bimbi da 0 a 3 anni) e la scuola dell’infanzia (bimbi da 3 a 6 anni) riportando al Ministero dell’Istruzione le CUORGNE-SBIRULINI-2relative competenze, dando così vita ad un sistema integrato per l’infanzia con spese di gestione che al momento parrebbero previste per il 50% a carico dello Stato e per il restante 50% a carico di Regioni ed Enti Locali. Come amministrazione, nell’attesa dell’evolversi degli iter di approvazione di questa norma, da parte degli Organi Legislativi e di conoscere quindi le nuove modalità gestionali specificamente pertinenti al servizio asilo nido, ritiene di dover sospendere al momento, le attività previste nelle deliberazioni adottate fino ad ora. Questo per consentire una corretta attività (nei tempi e nei modi) di iscrizione da parte delle famiglie al suddetto servizio. In sintesi – ha concluso – il prossimo anno scolastico, in attesa dell’evolversi della norma, verrà erogato con le attuali modalità. Contestualmente dovremo individuare azioni specifiche per equilibrare le mancate efficienze economiche. Aggiorneremo opportunamente il consiglio e la cittadinanza su eventuali evoluzioni normative.»
“W l’asilo nido pubblico” riportava la scritta nel cartellone donato, per mano dei bambini, al Sindaco Pezzetto. Un capitolo che per ora si accantona nella tranquillità di tutti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here