mercoledì 7 Dicembre 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

“L’AMORE DEVE ESSERE LITIGARELLO?”

Dalla​​ posta del cuore di Alessandra Hropich

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:

Io litigo con la mia compagna, una volta lo abbiamo fatto di brutto, ma poi tutto o quasi si appiana, poi io non sono violento, non tocco una donna se non con un fiore. Solo una volta ci siamo presi a pugni ma stavamo per lasciarci con la mia donna ed il pugno era una carezza che le ho dato in quel caso.
Anche sul lavoro tirai un oggetto addosso al mio capo e mi licenziai ma io sono pacifico, solo che nessuno mi deve far perdere le staffe dandomi ordini.
La mia compagna mi fa arrabbiare talvolta ed in passato ha scoperto che avevo donne sparse ovunque, tante donne mi si sono spesso offerte ed io non potevo rifiutarmi, sono un massaggiatore (curativo) ed alcune signore sono molto esplicite nei gesti, pur accompagnate dal marito, si vede subito che sono pronte a sedurmi mentre il loro marito, in sala da attesa, è ignaro di tutto e non di rado mi sono pure innamorato di costoro ma il vero amore dura due mesi al massimo con ciascuna donna, poi tutto muore, il feeling mentale con le donne dura poco. Io poi sono esigente come gusti e prediligo donne autoritarie, stravaganti, egoiste sessualmente parlando, solo la mia compagna non sa nulla dei miei veri gusti sessuali, tanto con lei ho avuto i figli senza concedermi stravaganze che invece cerco con donne intraprendenti, prepotenti che mi attraggono particolarmente.
Ho due figli avuti con la compagna, bellissima certo anche se oggi la vedo solo come una sorella visto che una donna, dopo venti anni di convivenza, non la vedi più come donna ma unicamente come la madre dei tuoi figli perché è priva di qualsiasi attrattiva ormai per me e penso che lei sia felice con me mentre io, se non avessi i figli, la lascerei anche oggi ma i miei ragazzi sono sacri e non voglio far loro dei torti visto che io ho avuto un rapporto conflittuale con i miei genitori da piccolo.
Le liti familiari sono causate dalla mia irrequietezza sin dalla mia infanzia non serena, eppoi, in genere, è vero che l’amore non è bello se non è litigarello? Sono un uomo sempre a caccia dell’amore ma non dura. Mi puoi dare un consiglio sul mio modo di amare? Sono oggi esausto del sesso perché ho avuto troppe donne, essendo anche benestante ma mi manca tantissimo la tenerezza.
Michele da Biella


Michele, ma l’amore è un sentimento da vivere, non un costante problema da risolvere. Tu hai parlato di problemi, di pugni dati mentre stavi per lasciarti con la tua compagna che vedi non più come una donna ma come una sorella, parli di tradimenti continui consumati con donne che sono le tue pazienti, di liti con la madre dei tuoi figli, di inquietudini, ma dove sarebbe
l’amore? Addirittura chiami “amore” il feeling che avresti, per non più di due mesi, con ogni cliente/paziente con cui hai dei rapporti sessuali?
Ti porti a letto alcune clienti (quelle più intraprendenti) di cui poi ti innamoreresti per due mesi al massimo, che amore è?
Aggiungi poi che il feeling ha breve durata.
Ma l’amore e il feeling non sono a consumazione.

Il consumare rapporti sessuali fugaci con pazienti il cui marito di ognuna resta in sala di attesa, tu lo chiami feeling o addirittura amore?
Hai, Michele, una visione della vita molto contorta, basta rileggere i tuoi gusti sessuali che riguardano donne prepotenti, egoiste, intraprendenti, tu cerchi la perversione, su questo non mi esprimo (non sono una sessuologa) ma è chiaro che un carattere contorto non può provare attrazione verso donne e situazioni normali.
Non ti critico, caro Michele, soltanto ti faccio osservare che la tua vita è un camminare costante sul filo del rasoio, sembri proprio amante del brivido e del rischio. Stai ben attento che nessun marito ti scopra mentre fai sesso con la moglie che lui crede essere solo tua paziente, allora si che avresti, non solo un oggetto tirato addosso a te.
Inoltre, tornando alla tua presentazione come tipo pacifico, preciso invece che tu sei un violento, non conosco la tua infanzia ma è chiaro che non sei tranquillo e che usi la forza fisica per sopperire alla mancanza di forza di carattere. Ed altrettanto, non so i motivi per cui la tua compagna non ti abbia lasciato già da tempo visto che hai usato le mani su di lei. Tu giustifichi la tua violenza fornendo una spiegazione ma qualunque violento si definisce pacifico.

Rispondo alla tua domanda sull’ amore litigarello dicendo che, nel tuo caso, manca proprio l’ amore, esiste solo la litigiosità.

Ma hai concluso con una frase bella e l’ unica degna di nota: “TI MANCA LA TENEREZZA”.
La tenerezza si trova in una relazione d’amore, dunque siamo al punto di partenza.
Di seguito, una citazione per te, che hai detto di essere insoddisfatto, irrequieto ma benestante.

“CON TUTTO L’ ORO DEL MONDO NON SI PUÒ COMPRARE IL BATTITO DEL CUORE NÉ UN LAMPO DI TENEREZZA!”


Per inoltrare domande alla dottoressa Hropich su questioni sentimentali, potete scrivere anche alla pagina seguente, con messaggio privato.
https://www.facebook.com/La-mia-Posta-del-cuore-104883382245294/

posta cuore

© Riproduzione riservata

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img