domenica 16 Maggio 2021
domenica, Maggio 16, 2021
spot_img

PIEMONTE – Sospesa la proposta di legge sul gioco d’azzardo; verrà presentato un DDL di Giunta

Lega: “Un cambio di strategia”; esultano Pd e M5s

PIEMONTE – “E’ stato avviato l’iter per un disegno di legge di giunta che, entro un mese, ci permetterà di tornare in aula con un testo che garantirà la piena tutela del gioco legale in Piemonte.” È quanto dichiara la Lega Salvini Piemonte dopo che la proposta di legge di contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo patologico è stata sospesa. Nelle prossime settimane verrà presentato un Ddl della Giunta. La decisione è stata presa con 23 favorevoli e 17 non votanti.

“Vogliamo sgombrare il campo da qualunque fraintendimento: – prosegue la Lega – il provvedimento voluto con forza dal gruppo Lega Salvini Piemonte non è né accantonato, né ritirato né tantomeno bocciato. Ma di fronte ad un ostruzionismo cieco che distorce le regole del confronto democratico in consiglio regionale, abbiamo dovuto adottare un cambio di strategia. Da una parte c’è un’opposizione che schiacciando il pulsante di un computer ha elaborato decine di migliaia di emendamenti che non entrano nel merito della nostra pdl, con l’unico risultato di giocare sulla pelle di 5.200 famiglie che operano nella legalità e che oggi rischiano di perdere il loro posto di lavoro. Dall’altra c’è una maggioranza che con coscienza continuerà la propria battaglia con un ddl di giunta condiviso e che raccoglierà anche i preziosi contributi offerti in questi giorni di confronto. Nessun passo indietro”.

“Game over. La legge regionale sul gioco d’azzardo, approvata nella passata legislatura dalla Giunta di centrosinistra, è salva. – Commenta l’On Francesca Bonomo, PD – La Lega è stata costretta a fare retromarcia grazie soprattutto alla dura presa di posizione del Partito Democratico e di tutte le forze di opposizione. Una vittoria dei cittadini, i risultati di questo strumento, introdotto nel 2016, sono sotto gli occhi di tutti. Quella degli ultimi giorni è stata una battaglia fondamentale per tutelare la salute dei piemontesi, soprattutto di quelli più fragili, ancor di più in un momento così difficile e particolare come quello che stiamo vivendo a causa dell’emergenza sanitaria. Il confine tra attività ludica e patologia – conclude Bonomo – è molto sottile: la dipendenza porta a sovrastimare le proprie abilità. Un problema che non riguarda solo gli adulti e gli anziani, ma anche gli adolescenti e i giovani: per questo è importante tenere alta la guardia, affinché la maggioranza di centrodestra in Regione non provi nuovamente a cancellare con un colpo di spugna quanto di buono realizzato cinque anni fa”.

“La Lega ormai è completamente isolata. – Commenta il M5s – L’intera società civile ha condannato il tentativo di smantellare la buona legge regionale 9/2016 contro il gioco d’azzardo patologico. Come se non bastasse il Carroccio è stato scaricato dai suoi stessi alleati di Fratelli d’Italia e Forza Italia. In aula non ci sono i numeri, sul territorio i contrari sono ben più dei favorevoli. La realtà è evidente e sotto gli occhi di tutti: la Legge 9/2016 ha portato benefici per migliaia di cittadini piemontesi, lo raccontano tutti gli studi, a partire da quelli condotti da IRES Piemonte.  Il gioco è finito e la Lega ha perso, game over. E’ arrivato il momento, dopo settimane, che il Consiglio regionale si occupi delle vere priorità dei cittadini piemontesi: piano vaccinale, sostegni ai settori in difficoltà, edilizia sanitaria, trasporto pubblico locale e molto altro. Temi completamente dimenticati a causa dell’assurda operazione targata Lega di rimettere in discussione la legge, dopo averla però votata appena 5 anni fa.”

urbanlungo

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img