giovedì 29 Luglio 2021
giovedì, Luglio 29, 2021
spot_img

CANTOIRA – Consegnata copia della Costituzione ai neo diciottenni

Ospite della manifestazione, il maresciallo Giuseppe Longo, comandante della stazione dei Carabinieri di Chialamberto

CANTOIRA – «Partecipate attivamente alla vita sociale e politica del paese, senza mai dare per scontati i diritti per cui i nostri nonni hanno combattuto. Siate protagonisti delle vostre vite e promotori del miglioramento della società. Il futuro è vostro e tutto dipende da voi, dalla vostra determinazione a difendere i diritti e a vivere con responsabilità i doveri».

Così il sindaco Franca Vivenza si è rivolta ai neo diciottenni in occasione della Festa della Repubblica, consegnando poi una copia della Costituzione Italiana ad Alex Ferro, Elisabetta Foddi, Umberto Vivenza ed Emanuele Castaneda Machado. 

La cerimonia si è tenuta nella mattinata di martedì 2 giugno all’interno del salone delle feste, allestito per l’occasione con le bandiere dell’Italia, della Regione Piemonte e della Città Metropolitana di Torino, oltre che con il gonfalone del Comune. Un appuntamento diventato ormai tradizionale, cominciato con l’Amministrazione comunale guidata da Celestina Olivetti e proseguita poi con quella di Luigi Ala.

«Un esempio vale più di mille parole ed è per questo motivo che vi propongo la figura di Eugenia Carfora – ha proseguito il sindaco – la preside di una scuola costruita in una delle piazze di spaccio più grandi d’Europa: il Parco Verde di Caivano, a pochi passi da Napoli. Nel 2007 aveva deciso di dirigere proprio quell’istituto definito da tutti la “scuola peggiore d’Italia”. Grazie al suo impegno oggi è diventata un simbolo di legalità e molti ragazzi hanno ritrovato la speranza di un futuro diverso. Lei non si definisce una eroina, ma semplicemente una cittadina che ha fatto il suo dovere».

Ospite della manifestazione, il maresciallo Giuseppe Longo, comandante della stazione dei Carabinieri di Chialamberto, che nel suo intervento ha ricordato come il raggiungimento della maggiore età rappresenti davvero un punto di svolta, poiché si diventa responsabili in prima persona delle proprie azioni, ed ha invitato i diciottenni a rispettare sempre i valori e gli insegnamenti trasmessi dalla propria famiglia.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img