TORINO – Incontro a Palazzo Cisterna nella mattinata del 22 luglio, organizzato dal gruppo consigliare “Città di Città”, composto da Roberto Montà, Alberto Avetta, Monica Canalis, Mauro Carena, Maria Grazia Grippo, Silvio Magliano, Claudio Martano e Maurizio Piazza, dedicato al tema del rinnovo delle concessioni autostradali presenti sul territorio della Città metropolitana di Torino.

“Ad oggi l’ATIVA, società partecipata dalla Città Metropolitana con circa il 20% delle quote – è stato scritto nella lettera di convocazione inviata a sindaci, parlamentari, associazioni di categoria – ha la gestione e l’esercizio delle autostrade Torino-Ivrea-Valle d’Aosta, Ivrea-Santhià e Sistema Autostradale Tangenziale di Torino e della diramazione autostradale Torino-Pinerolo, nonché la progettazione, la costruzione, la gestione e l’esercizio di tutti gli eventuali relativi completamenti, diramazioni e raccordi.

La relativa concessione è scaduta nel 2016 ed il Ministero sta lavorando al bando di gara, senza, è stato sottolineato durante i lavori, alcuna interlocuzione con la Città Metropolitana.

Nella sua relazione il consigliere di “Città di Città” ha ricordato l’esigenza di riportare al centro della discussione l’importante argomento dopo l’approvazione due anni fa in Conferenza metropolitana di un ordine del giorno. “E’ necessario costruire tutti insieme una strategia, conoscere l’entità degli investimenti per i prossimi anni, approfondire alcune questioni sulla viabilità, dall’asse di corso Marche, alla realizzazione della quarta corsia in tangenziale, alla soppressione di alcune barriere. Quale ruolo intende dunque assumere la Città metropolitana nei confronti di Ativa, come intende muoversi sul piano degli investimenti? Quella di oggi vuole essere un’occasione di impegno e di rilancio, con l’obiettivo di convenire iniziative utili ad aprire un confronto con il Governo e il Ministero a tutela degli interessi del nostro territorio”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here