TORINO – Ha iniziato lo sciopero della fame lunedì 1 ottobre. Pino Incarnato è disperato. Cinquant’anni, disoccupato dal 2014, ha finito, lo scorso 30 maggio, tutti gli ammortizzatori sociali e vive con sua mamma, pensionata invalida.

[rev_slider alias=”paonessa”]

Il problema è sorto quando la ditta per cui lavorava, appaltatrice di Smat, ha dovuto licenziare i 74 dipendenti per cessata attività, in quanto Smat aveva internalizzato il lavoro.

Smat ha assorbito 50 dipendenti: 45 direttamente in azienda, e 5 con clausola sociale nel protocollo d’intesa dove si garantiva il lavoro in ditte appaltatrici per le letture dei contatori dell’acqua.

“Questo però è un lavoro che non posso più fare – spiega Incarnato – in seguito a diverse operazioni chirurgiche che ho subito. Ho delle limitazioni accertate che riguardano la deambulazione su terreni sconnessi e scale a pioli. Mi sono sottoposto alle visite presso queste aziende e. come supponevo, sono stato ritenuto inidoneo. Così sono rimasto “a piedi”.”

[su_slider source=”media: 162328,150947,143165″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Incarnato ha fatto ricorso insieme agli altri colleghi coivolti nella clausola sociale: “La vertenza è stata impostata su cessione ramo di azienda, invece il mio caso è una cosa a parte. Non sono io che non volevo fare quel lavoro, è che non potevo. È diverso. Se fossi stato sano avrei accettato.”

Pino Incarnato afferma di essere stato abbandonato dalle istituzioni, dal Pd a cui era iscritto e anche dal sindacato (in azienda era RSU). “A sostenermi ci sono il Partito di Rifondazione Comunista e Potere al Popolo. Li ringrazio perchè sono accorsi in mio aiuto senza che glielo chiedessi, nonostante io non sia mai stato iscritto.”

[su_slider source=”media: 119356,147401,144690″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[rev_slider alias=”urb”]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here