TORINO – Ha iniziato lo sciopero della fame lunedì 1 ottobre. Pino Incarnato è disperato. Cinquant’anni, disoccupato dal 2014, ha finito, lo scorso 30 maggio, tutti gli ammortizzatori sociali e vive con sua mamma, pensionata invalida.

Il problema è sorto quando la ditta per cui lavorava, appaltatrice di Smat, ha dovuto licenziare i 74 dipendenti per cessata attività, in quanto Smat aveva internalizzato il lavoro.

Smat ha assorbito 50 dipendenti: 45 direttamente in azienda, e 5 con clausola sociale nel protocollo d’intesa dove si garantiva il lavoro in ditte appaltatrici per le letture dei contatori dell’acqua.

“Questo però è un lavoro che non posso più fare – spiega Incarnato – in seguito a diverse operazioni chirurgiche che ho subito. Ho delle limitazioni accertate che riguardano la deambulazione su terreni sconnessi e scale a pioli. Mi sono sottoposto alle visite presso queste aziende e. come supponevo, sono stato ritenuto inidoneo. Così sono rimasto “a piedi”.”

nfimpiantibanner
coferbanner
gymtonic

Incarnato ha fatto ricorso insieme agli altri colleghi coivolti nella clausola sociale: “La vertenza è stata impostata su cessione ramo di azienda, invece il mio caso è una cosa a parte. Non sono io che non volevo fare quel lavoro, è che non potevo. È diverso. Se fossi stato sano avrei accettato.”

Pino Incarnato afferma di essere stato abbandonato dalle istituzioni, dal Pd a cui era iscritto e anche dal sindacato (in azienda era RSU). “A sostenermi ci sono il Partito di Rifondazione Comunista e Potere al Popolo. Li ringrazio perchè sono accorsi in mio aiuto senza che glielo chiedessi, nonostante io non sia mai stato iscritto.”

Allianz 2 modifica jpeg
ilbere
Tritapepe

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here