venerdì 30 Ottobre 2020

TORINO – Saitta: “Il sistema ha tenuto”; Nursind: “Un’offesa a tutti gli infermieri piemontesi”

TORINO – L’Assessore Regionale alla Sanità, Antonio Saitta, ha incontrato le sigle sindacali Cgil Cisl e Uil e ha dichiarato che, per quanto concerne l’emergenza sovraffollamento nei pronto soccorso, il sistema ha tenuto.

[su_slider source=”media: 125676,140168″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Per Nursind si tratta di un’offesa a tutti gli infermieri piemontesi, e lo afferma in una nota.
“Quale parametro utilizzi l’Assessore alla Sanità della Regione Piemonte quando dichiara che il sistema ha tenuto, non è dato sapere. Spaventano queste parole. Affermazioni di chi forse non si rende neanche conto di quali siano state le conseguenze di una politica scellerata che ai tagli non ha fatto seguire nessun piano preventivo mettendo a rischio la salute dei cittadini e il lavoro degli operatori, costringendoci a portare le gravi situazioni in Procura, anche di eventi drammatici.”

[su_slider source=”media: 132564,138203″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

“Quello che è successo nell’ultimo mese nei pronto soccorso e nelle degenze dei nostri ospedali – prosegue Nursind – lo hanno visto e vissuto i cittadini e gli operatori ed è solo grazie a quest ultimi che il sistema non è naufragato, certo non grazie agli interventi di questa Regione.
La verità è che questa Regione se ne è lavata le mani, fornendo indicazioni alle aziende ben sapendo dell’impossibilità di poterle attuare e solo di fronte alla tragicità degli eventi alcuni
tardivi interventi sono arrivati. Forse chi fa politica non dovrebbe far correre questo rischio ai cittadini e non dovrebbe scaricare responsabilità sue sugli operatori.”

[su_slider source=”media: 139885,134236,139264″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

E attacca le altre sigle sindacali: “Come ogni anno, quando la tempesta passa, va in scena il teatrino, l’incontro con CGIL CISL UIL che annunciano nuovamente tavoli tecnici per analizzare le problematiche. Ma dov’erano prima questi interlocutori? Abbiamo scritto ad ottobre per chiedere piani programmatici, abbiamo addirittura manifestato senza aver avuto ascolto ne dall’Assessore, ne tanto meno dal presidente del Consiglio Regionale che aveva promesso un suo intervento.
Prendiamo atto e ne prendono atto anche gli infermieri piemontesi che questa Regione sceglie i suoi interlocutori e tra questi non ci sono gli infermieri. La politica di governo dovrebbe saper parlare anche e soprattutto con chi dissente sulle politiche attuate, evidentemente non è pratica del partito che governa la nostra regione. Gli infermieri sapranno dare la loro risposta anche nelle urne. Restiamo basiti nel leggere il comunicato dell’Assessore quando parla di 650 posti letto in più, tenuto conto che questa Regione ne ha tagliati in passato più del doppio e proseguirà a danno dei cittadini con il nuovo Parco della Salute.
Solo a fine Dicembre ed inizio Gennaio, le Aziende hanno iniziato ad affrontare il problema, riducendo di fatto anche l’attività chirurgica e aumentando ancora di più le liste di attesa a
favore della sanità privata e peggiorando il fenomeno della mobilità verso altre regioni.
Inoltre in alcune realtà, più che di riconversione di posti letto, si è trattato di barelle o letti bis aggiunti in sale trasformate in camere di degenza per l’occasione.”

[su_slider source=”media: 100996,100993,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

E conclude: “Quando l’Assessore parla di ulteriori assunzioni, ci chiediamo come mai allora alcune aziende abbiano speso meno dei tetti di spesa assegnati e perché il personale abbia preso servizio tardivamente a sovraffollamento già in atto, senza la possibilità di poter effettuare un periodo di inserimento e affiancamento in un settore particolarmente delicato.
Che le problematiche da affrontare siano sempre le stesse da anni (es. medici di famiglia,territorio….) lo sappiamo, dalla Regione ci aspettiamo risposte e soluzioni ad oggi mai arrivate. Anziché fare propaganda elettorale, questo Assessore dovrebbe occuparsi realmente di Sanità.”

[su_slider source=”media: 119356,116078,109265″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Original Marines
- Advertisement -

Leggi anche..

SAN MAURO TORINESE – Incidente sul lavoro, deceduto un 47enne

SAN MAURO TORINESE – Incidente mortale sul lavoro, questa notte, alla Tecnofiniture di via Liguria a San Mauro Torinese.

TORINO – Riprendono le truffe agli anziani, che utilizzano il Covid come espediente

TORINO - Con la risalita dei contagi dovuti al virus Covid-19 è ripreso il fenomeno delle truffe che utilizza l’emergenza sanitaria...

CORONAVIRUS – Nursind sollecita: “Subito assunzioni!”

CORONAVIRUS - “La macchina burocratica non può rallentare lo scorrimento delle chiamate dalla mobilità infermieri. A diversi giorni dalla pubblicazione della...

TORINO – Omicidio Ollino: arrestato un 42enne

TORINO - All’alba, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Torino hanno arrestato il presunto autore dell’efferato omicidio di...

PIANEZZA – Ladro fa il gesto delle corna alla telecamera: identificato e arrestato (VIDEO)

PIANEZZA - Dopo un furto ha guardato la telecamera e ha salutato con il gesto delle corna. L’uomo è stato identificato...

Ultime News

SAN MAURO TORINESE – Incidente sul lavoro, deceduto un 47enne

SAN MAURO TORINESE – Incidente mortale sul lavoro, questa notte, alla Tecnofiniture di via Liguria a San Mauro Torinese.

SAN GIUSTO CANAVESE – Scontro tra due vetture sulla Sp40 alle porte di Foglizzo (FOTO)

SAN GIUSTO CANAVESE – Incidente oggi, venerdì 30 ottobre, poco dopo le 17, sulla Sp40 a San Giusto Canavese, all'incrocio con...

PIEMONTE – L’organizzazione sindacale dei Medici Ospedalieri chiede il lockdown totale in Piemonte

PIEMONTE – L'Associazione Anaao Assomed (Associazione Medici Dirigenti) chiede il lockdown totale. È quanto è contenuto in una...

CUORGNÈ – Chiusura temporanea del Pronto Soccorso, Pezzetto: “Dobbiamo avere la garanzia che riaprirà”

CUORGNÈ - “Dobbiamo avere la garanzia che appena passata la fase critica della pandemia il pronto soccorso riprenderà a funzionare con...

TORINO – Riprendono le truffe agli anziani, che utilizzano il Covid come espediente

TORINO - Con la risalita dei contagi dovuti al virus Covid-19 è ripreso il fenomeno delle truffe che utilizza l’emergenza sanitaria...