venerdì 4 Dicembre 2020

CANAVESE – Operative le Case della Salute di Brandizzo, Caluso, Castellamonte con la sua articolazione di Rivarolo Canavese e Settimo Torinese

Questa mattina Open Day in tutte le sedi e inaugurazione della Casa della Salute di Settimo Torinese

CANAVESE – Da oggi, sabato 16 dicembre, sono operative le Case della Salute di Brandizzo (piazza Carlo Tempia 2), Caluso (via Roma 22), Castellamonte (piazzale Nenni 1) – risultato della riorganizzazione del CAP (Centro di Assistenza Primaria) – con la sua articolazione di Rivarolo Canavese (via Piave 13) e Settimo Torinese (via Santa Cristina 3).

[su_slider source=”media: 134413,135052,125676″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Per ufficializzarne l’apertura questa mattina si è svolto un Open Day in tutte le sedi (a Settimo Torinese è intervenuto l’Assessore Regionale alla Sanità, Antonio Saitta, e a Brandizzo l’Assessore Regionale all’Istruzione, Lavoro, Formazione professionale, Gianna Pentenero) ed è stata inaugurata la Casa della Salute di Settimo Torinese.

Nel primo semestre 2018 la rete delle Case della Salute dell’ASL TO4, per la cui attivazione e potenziamento all’Azienda è stato assegnato un finanziamento regionale di poco meno di 800 mila euro sul triennio, sarà completata con l’apertura delle strutture di Lanzo (via Marchesi della Rocca 30) e di Leinì (via Volpiano 38).

[su_slider source=”media: 134526,132564,133622″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Così dichiara l’Assessore alla Sanità della Regione Piemonte, dottor Antonio Saitta, intervenuto all’inaugurazione della Casa della Salute di Settimo Torinese: “L’istituzione di questa nuova rete sul territorio ha come obiettivo il miglioramento dell’appropriatezza delle prestazioni fornite, in particolare alla luce del progressivo invecchiamento della popolazione e dell’aumento delle malattie croniche, e di conseguenza la riduzione degli accessi ospedalieri impropri, che contribuiscono a generare il sovraffollamento dei pronto soccorso.

Lo stanziamento sarà utilizzato principalmente per nuove assunzioni di infermieri e altro personale sanitario, per gli incentivi a medici di famiglia e pediatri, per l’informatizzazione di tutti i servizi offerti e per l’acquisto delle attrezzature. Il piano varato dalla Giunta regionale, elaborato al termine di una approfondita consultazione con organizzazioni sindacali, operatori e rappresentanti delle categorie, prevede un costante monitoraggio dei risultati ottenuti, con una particolare attenzione alla riduzione del tasso di ospedalizzazione per complicanze delle patologie croniche, alla diminuzione dell’accesso in pronto soccorso di codici bianchi e verdi, al miglioramento dell’appropriatezza clinica e organizzativa dei ricoveri, alla riduzione delle prestazioni ambulatoriali ripetute e al contenimento del consumo di farmaci per i malati cronici”.

[su_slider source=”media: 133233″ limit=”100″ link=”image” target=”blank” width=”1600″ height=”220″ title=”no” arrows=”no” pages=”no” mousewheel=”no” autoplay=”0″]

“E’ un giorno importante per la nostra Azienda – commenta con soddisfazione il Direttore Generale dell’ASL TO4, dottor Lorenzo Ardissone – perché diamo concretezza alla volontà della Regione Piemonte di rafforzare la governance del sistema territoriale e di valorizzare il ruolo svolto dall’Assistenza Primaria, nelle sue forme organizzative multidisciplinari e multiprofessionali, nella risposta ai bisogni di salute della comunità”.

L’obiettivo, infatti, come previsto dalla Deliberazione della Giunta Regionale del novembre 2016 che ha previsto la nascita delle Case della Salute era quello di sviluppare progressivamente, partendo da esperienze sperimentali nate e maturate in relazione alle specificità locali, un nuovo modello di organizzazione sanitaria territoriale ben delineato. Un modello in cui l’ospedale non fosse più il riferimento di centralità del sistema, in cui la risposta di base del sistema sanitario fosse spostata a un livello più vicino ai luoghi di vita dei cittadini, in cui fosse allargata, dal punto di vista quantitativo e qualitativo, l’offerta di risposte sanitarie inserite in percorsi diagnostico-terapeutici predefiniti, fondati sull’interrelazione tra medicina di territorio e medicina specialistica e in cui si garantisse in ogni distretto un punto di riferimento per la presa in carico globale della persona con problemi di salute, attraverso la stretta integrazione tra le funzioni sanitarie e le funzioni socio-sanitarie e sociali.

[su_slider source=”media: 134236,134237,110138″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

“Le Case della Salute – continua il dottor Ardissone – rappresentano una risposta appropriata e capillarmente diffusa sul territorio rispetto all’aumento delle patologie croniche connesso all’invecchiamento della popolazione e, più in generale, al complesso di bisogni espresso dalle persone in condizioni di fragilità che hanno necessità di interventi sanitari, assistenziali o socio-sanitari e che non necessitano del ricorso alle cure ospedaliere”.

Le Case della Salute sono centri attrezzati e aperti lungo tutto il corso della giornata, con ampia accessibilità, da lunedì a venerdì. Il loro modello organizzativo è caratterizzato:dall’accoglienza degli utenti;
dall’orientamento ai servizi sanitari e socio-sanitari attraverso il SUSS (Sportello Unico Socio Sanitario);
da modelli assistenziali di gestione delle patologie croniche che evitino il ricorso improprio al ricovero;
dall’accesso a percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali (PDTA) per le patologie croniche (come la broncopneumopatia cronica ostruttiva, il diabete, le malattie cardiovascolari) condivisi, anche attraverso la rete integrata ospedale-territorio;
dalla qualità delle cure;
dalla gestione della continuità dell’assistenza.

[su_slider source=”media: 100996,100993,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

“Il modello organizzativo scelto è di tipo modulare – precisa il dottor Ardissone – con funzioni di base presenti in tutte le Case della Salute e moduli aggiuntivi specifici per ogni singola realtà”.

Le funzioni di base comprendono l’area dell’accoglienza, che svolge anche una funzione di filtro per quanto riguarda gli utenti che accedono direttamente alla Casa della Salute, l’assistenza primaria (medici e pediatri di famiglia), come attività complementare e non sostitutiva dell’ordinaria attività ambulatoriale, attività specialistiche ambulatoriali con particolare riferimento alle discipline di cardiologia, pneumologia, diabetologia/endocrinologia e oculistica, l’ambulatorio infermieristico che opera in integrazione con l’infermiere di comunità e i servizi diagnostici di base (prelievi, elettrocardiogramma, spirometria).

[su_slider source=”media: 119356,116078,109265″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

In relazione alla specificità dei singoli territori, poi, possono essere previsti uno o più moduli aggiuntivi. Ne sono un esempio l’Area delle cure intermedie a elevata intensità assistenziale infermieristica e i Centri di ascolto per le famiglie di persone affette da disturbi cognitivi.

Nelle Case della Salute, quindi, lavorano in stretta sinergia medici (territoriali e ospedalieri), specialisti ambulatoriali, medici e pediatri di famiglia, infermieri, assistenti sociali, operatori addetti all’accoglienza. Le attività sanitarie sono coordinate dal Direttore di Distretto, che si avvale della collaborazione dei Responsabili di tutti i servizi sanitari disponibili. Lo stesso Direttore di Distretto presiede all’integrazione tra i servizi territoriali (compresi i servizi sociali) e alla continuità ospedale-territorio.

Conclude il dottor Ardissone: “Le Case della Salute rappresentano anche il luogo dove esercitare la medicina d’iniziativa, intercettando il bisogno di salute prima che la malattia insorga, si manifesti, si aggravi o si cronicizzi, in modo tale da prevenirla o rallentarne il decorso. Ed è anche il luogo dove fare promozione della salute ed educazione alla salute e dove realizzare un forte coinvolgimento dell’associazionismo. Perché la rete con tutti i soggetti territoriali costituisce il valore aggiunto per realizzare una reale presa in carico globale della persona assistita”.

Original Marines

Per il tuo Natale...

- Advertisement -

Leggi anche..

CANAVESE – Nursind scrive all’Assemblea dei Sindaci sul nuovo ospedale

CANAVESE – Riceviamo da Nursind (Sindacato delle Professioni Infermieristiche) una lettera aperta rivolta all'Assemblea dei Sindaci e per conoscenza all'Assessore Icardi e al Commissario...

CORONAVIRUS – Scende ancora il numero dei positivi e anche il rapporto di incidenza

CORONAVIRUS – Oggi in Canavese sono stati registrati 52 nuovi casi positivi; 326 in meno per un totale attuali di 5531 positivi. È sceso il...

CORONAVIRUS – I bollettini di oggi, lunedì 1 dicembre

CORONAVIRUS – Oggi in Canavese sono stati registrati 22 casi positivi, ed un totale attuale di 5814 casi positivi. (Qui i dati comune per...

CANAVESE – Dal 1 dicembre prove di carico statiche e dinamiche sui ponti

CANAVESE - Domani, martedì 1 dicembre, prenderanno il via le prove di carico statiche e dinamiche programmate nei Piani di controlli e monitoraggi predisposti...

CANAVESE – 525 pazienti nei reparti ospedalieri; pronto il progetto esecutivo per la rianimazione di Ivrea

CANAVESE – Salgono a 525 i pazienti Covid ricoverati nei reparti ospedalieri dell'Asl To4. Sono così ripartiti: Ospedale Chivasso (Terapia intensiva + Terapia semi-intensiva +...

Ultime News

CORONAVIRUS – In vigore da domani il nuovo DPCM: le misure (VIDEO)

CORONAVIRUS – Emesso il nuovo Dpcm che entrerà in vigore da domani, venerdì 4 gennaio. Resta in vigore la classificazione delle Regioni a seconda...

CORONAVIRUS – Oggi 1.586 casi positivi in Piemonte; 47 in Canavese

CORONAVIRUS - L’Unità di crisi della Regione Piemonte ha comunicato 1.568 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19, pari all’8,8% dei 17.897 tamponi...

CANAVESE – Nursind scrive all’Assemblea dei Sindaci sul nuovo ospedale

CANAVESE – Riceviamo da Nursind (Sindacato delle Professioni Infermieristiche) una lettera aperta rivolta all'Assemblea dei Sindaci e per conoscenza all'Assessore Icardi e al Commissario...

PIEMONTE – Vendite promozionali anche dopo il 5 dicembre

PIEMONTE - In Piemonte sarà possibile continuare ad effettuare vendite promozionali anche oltre il 5 dicembre. Per andare in contro alle esigenze dei negozianti...

AGLIÈ – Incendio camino in via Principe Tommaso, intervento dei Vigili del Fuoco (FOTO)

AGLIÈ – Intervento dei Vigili del Fuoco di Ivrea, Castellamonte e autoscala, oggi, giovedì 3 dicembre, intorno alle 12.30, in via Principe Tommaso ad...