TORINO – La procura di Torino ha chiesto il rinvio a giudizio per 12 dei 15 indagati nell’inchiesta sulla casa automobilistica De Tomaso.

Tra gli imputati ci saranno il patron Gian Mario Rossignolo e il figlio Gian Luca. Le accuse sono, a diverso titolo, di malversazione, truffa ai danni dello Stato, bancarotta fraudolenta, false fideiussioni e violazione della legge fallimentare.ROSSIGNOLO (RID)

L’inchiesta era partita da finanziamenti dell’Unione Europea per corsi di formazione per lavoratori, in realtà mai tenuti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here