giovedì 22 Aprile 2021

TORINO – OPERAZIONE ANTI RACKET PROSTITUZIONE, 14 ARRESTI

TORINO – La polizia di Torino sta eseguendo alcune misure cautelari nei confronti di cittadini romeni e albanesi,

accusati di controllare il mercato della prostituzione in diversi quartieri cittadini, tra cui

Foto d’archivio

Pozzostrada e San Salvario.

Nell’operazione sono attualmente impegnati circa 100 agenti. I reati contestati vanno dallo sfruttamento della prostituzione all’associazione a delinquere finalizzata allo sfruttamento ed al favoreggiamento della prostituzione.

Sono quattordici le persone arrestate dalla polizia di Torino nell’ambito dell’operazione contro lo sfruttamento della prostituzione scattata questa mattina all’alba. In manette dodici albanesi e due romeni tra i 24 e i 48 anni. Tra loro anche una donna. Sono accusati di associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione.

Secondo gli investigatori, che nella notte hanno effettuato anche una trentina di perquisizioni e hanno trovato un libro mastro dove erano state appuntate tutte le somme dell’attività illecita, l’organizzazione incassava mediamente tre milioni di euro l’anno. Oltre a gestire direttamente il mercato della prostituzione nei quartieri Pozzostrada e San Salvario, il gruppo affittava anche porzioni di marciapiede alle prostitute e ai loro protettori dietro a un compenso di 300 euro al giorno.

Complessivamente le prostitute coinvolte sono 30. Alcune di esse venivano picchiate quotidianamente dai componenti della banda. L’operazione, a cui ha partecipato un centinaio di agenti della questura di Torino, è stata coordinata dai pm Livia Locci e Paolo Toso. Sventate ritorsioni nei confronti dei parenti degli arrestati, in Albania e nel Regno Unito, dopo che tra gli stessi componenti della banda erano nati alcuni dissidi.

Leggi anche...

spot_img