[label style=”important”]Ascolta l’articolo[/label][audiotube id=”sHQZZIFSK18″ tiny=”yes”]

TORINO – E’ il terzo caso di ritrovamento di telefonini all’interno delle celle presso le case circondariali di Torino.

TELEFONINIQuest’ultimo, perfettamente funzionante, è statp trovato nella cella di un rumeno, detenuto nel carcere di Torino. “Basterebbe poco – dichiara Donato Capece, segretario generale del Sappe, sindacato di polizia penitenziaria – per risolvere il problema. Ad esempio, si potrebbero schermare le carceri da tutti gli impianti destinati alla comunicazione con l’esterno oppure dotare il nostro personale di appositi rilevatori. Evidentemente il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria non ha intenzione di fare nulla”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here