sabato 4 Febbraio 2023

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

Direttore Responsabile: Magda Bersini

spot_img

LEINI – Renato Pittalis nominato Vicepresidente di Avviso Pubblico

O meglio, uno dei dieci vice presidenti che, col Presidente Roberto Montà, costituiscono l’ufficio di presidenza dell’associazione

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:

LEINI – Renato Pittalis, Sindaco di Leini e Presidente dell’Unione Net, è il nuovo Vicepresidente di “Avviso Pubblico”. O meglio, uno dei dieci vice presidenti (assieme a Michele Abbaticchio, Sindaco di Bitonto; Nicola Leoni, Sindaco di Gazoldo degli Ippoliti; Renato Natale, Sindaco di Casal di Principe; Andrea Bosi, Assessore di Modena; Andrea Benini, Sindaco di Follonica; Isabella Masina, Vice sindaco di Voghiera; Roberto Nigriello, Presidente del Consiglio comunale di Lecco; Eric Pasqualon, Sindaco di Carmignano sul Brenta ed Emanuele Vitale, Assessore a Baveno) che, col Presidente Roberto Montà, costituiscono l’ufficio di presidenza dell’associazione.

La composizione del nuovo ufficio di presidenza si è tenuta ad inizio dicembre, a Bologna, nel corso dell’assemblea nazionale di Avviso Pubblico. «La grande partecipazione all’assemblea di oggi dimostra che c’è un’Italia che non delega la prevenzione e il contrasto alle mafie a magistratura e Forze dell’ordine, ma che è pronta a metterci impegno e competenza, attuando pratiche amministrative concrete e lavorando quotidianamente per diffondere la cultura della trasparenza, della legalità costituzionale e della cittadinanza attiva, per costruire un paese libero da mafie e corruzione», ha spiegato il Presidente Montà in apertura dei lavori. Ma cos’è Avviso Pubblico? Una rete di enti locali che concretamente si impegnano per promuovere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile. Una linea di azione che a Leini ha visto una grande stagione dopo lo scioglimento del Comune e successivo commissariamento con l’Amministrazione Leone, e che prosegue nello stesso solco con l’Amministrazione Pittalis.

Un tema, quello della legalità, che a volte corre il rischio di cadere nel dimenticatoio anche perché, come ha proseguito Montà: «Questi temi non occupano una posizione centrale, né nel dibattito politico, né in quello pubblico. Quella delle mafie e della corruzione è spesso una questione dimenticata. Lo si è constatato anche nel corso dell’ultima campagna elettorale, in occasione della quale Avviso Pubblico ha diffuso due appelli. Nella dialettica fra i partiti, salvo alcuni candidati, è mancato un confronto costruttivo sul perseguimento di strategie e politiche di prevenzione e contrasto che, anche pensando all’impiego dei fondi del Pnrr, rappresentano un punto nevralgico per lo sviluppo economico e sociale dell’Italia».

© Riproduzione riservata

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img