venerdì 9 Dicembre 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

LEINI – Acqua marrone nei rubinetti. Tecnici Smat al lavoro per risolvere il problema

Numerose le segnalazioni ricevute al centralino SMAT, da diverse parti di Leini e anche da Torino

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:

LEINI – Non è una tazza di tè. E neppure un caffè lungo americano. È semplicemente quanto è uscito, in mattinata, dai rubinetti di molte case di Leini. Un’acqua marrone, assolutamente inutilizzabile sia per l’uso alimentare, sia per quello igienico e che, in alcuni casi, ha creato problemi agli elettrodomestici messi in un funzione in mattinata.

Diversi cittadini, allarmati e preoccupati dal momento che la situazione si è protratta per diverse ore, hanno chiamato Smat, per sentirsi dire che numerose segnalazioni in tal senso erano già arrivate, sia da diverse zone di Leini, sia da alcuni residenti di Torino, e che i tecnici erano già al lavoro per cercare di risolvere il problema. Problema che, a quanto emerso dalle indicazioni date dagli operatori a chi, a più riprese, ha cercato risposte, è dovuto all’apertura di una nuova tubazione che avrebbe provocato un cambio di pressione: «È, come è normale e naturale che accada, la “botta” d’acqua nelle condotte ha provocato il distacco del calcare presente nei tubi», facendolo arrivare nei rubinetti delle abitazioni e di lì nei bicchieri e nelle lavatrici.

«Cose che possono capitare, certo – hanno ribadito alcuni dei cittadini maggiormente interessati dal problema – Ma visto che esiste un sistema di Alert nel comune di Leinì, non sarebbe stato possibile avvisare con una telefonata, in modo tale che la gente potesse organizzarsi, e magari evitare che alcuni elettrodomestici avessero dei problemi?».

Ad essere interessato, a quanto pare, tutto il territorio cittadino, anche se non tutte le abitazioni sono state colpite dal problema. A fare la differenza, il flusso nelle tubazioni e il momento in cui nelle varie case sono stati aperti i rubinetti: i primi a farlo sono stati quelli che hanno subito il disagio maggiore.

© Riproduzione riservata

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img