BASKET / Serie A1 – Nella terza giornata di Serie A1, l’Iren Fixi Torino perde a Palermo al cospetto della Sicily by Car, capace di sfruttare al meglio il divario di centimetri a ridosso del ferro dovuto dalla partenza per maternità di Jennings, che ha consentito a Gatling di fare nel pitturato il bello ed il cattivo tempo senza troppi ostacoli da superare.

A condannare la squadra di coach Riga è stato anche un avvio impeccabile delle avversarie siciliane, le quali hanno trovato il canestro con percentuali elevatissime, il che ha consentito loro di gestire il vantaggio nonostante i tentativi di rimonta delle piemontesi durati fino alle ultime battute di gioco. Il 77-70 finale è crudele in maniera spropositata nei confronti delle torinesi, le quali ci hanno creduto fino all’ultimo riducendo un passivo di -23 portandolo fino al -4 a poche azioni dalla fine.

Si parte con Palermo che si affida immediatamente ai chili e centimetri di Gatling, che con la collaborazione di Verona e Miccio trova il 9-2 al quale per Torino si oppone solo Kinard, così dopo 3’ e 30” coach Riga chiama sospensione. Flores Costa e Verona trovano il canestro da ogni dove, Milazzo cerca di suonare la carica ma soprattutto di rimettere ordine in campo con l’aiuto della vicecapitana Salvini, coach Riga ordina una zona a fronte pari e Palermo inizia a trovare difficoltà in fase offensiva, così al 7’ è coach Santino Coppa a ricorrere al timeout sul 19-7. L’Iren Fixi ritrova verve, sono Salvini, Milazzo e Kinard a dare una scossa alle pantere, che al 10’ chiudono sul 25-16.

Seconda frazione di gioco in cui la Sicily by Car riprova ad allungare, così coach Riga opta per il doppio playmaker in campo inserendo sia Togliani che Milazzo. Palermo trova subito il bonus a proprio vantaggio, lo sfrutta bene abbinando in difesa una pressione a tutto campo sulla portatrice di palla. Al riposo lungo le padrone di casa sono in vantaggio 44-23.
Al rientro dagli spogliatoi l’Iren Fixi con un 5-0 di parziale accorcia le distanze grazie a Milazzo e Kinard, coach Coppa va su tutte le furie e timeout palermitano sul 44-28 al 22’. Il parziale sale fino a 10-0 con Barberis che si rende protagonista realizzando la tripla del 43-33. Le pantere torinesi alzano il ritmo difensivo che sale a tutto campo, Palermo inizia a soffrire ma al tempo stesso cerca in tutti i modi di mantenere il vantaggio a ridosso della doppia cifra.

Miccio e Verona ridanno ossigeno alla Sicily by Car, che al 30’ conduce 56-40.
Ultimo quarto in cui le rotazioni ridotte si fanno sentire per Torino, nonostante tutto le pantere lottano e tengono le sorti della gara ancora aperte con Barberis, Brcaninovic e Milazzo. La difesa piemontese è alta, pressante e mette in difficoltà la compagine gialloverde, la quale vede ridursi il vantaggio con le triple di Brcaninovic che consegnano il -8 all’Iren Fixi al 38’ (70-62). Ultime battute di gioco più che concitate, le due squadre sono in bonus, Torino penetra e trova falli a ridosso del ferro, dalla linea della carità la squadra guidata da Riga si porta addirittura sul -4 a meno di 30” dalla fine. La sfortuna s’abbatte sulle pantere, Kinard subisce un colpo alla spalla che la mette fuori gara e per Palermo è tutto più facile. Il tabellone alla fine delle ostilità recita 77-70 e consegna i due punti alla Sicily by Car.

Lottare fino allo stremo delle forze non è bastato, l’assenza di una pivot titolare è troppo pesante, l’Iren Fixi Torino lascia il parquet del PalaMangano a testa più che alta.

Sicily by Car Palermo – Iren Fixi Torino 77-70 (25-16, 44-23, 56-40)

Sicily by Car Palermo: Russo 7, Manzotti 10, El Habbab, Cupido 12, Flores Costa 10, Miccio 7, Verona 13, Casiglia ne, Cappelli ne, Caliò ne, Gioè ne, Gatling 18. All. Coppa
Iren Fixi Torino: Brcaninovic 20, Togliani, Milazzo 16, Buffa ne, Del Pero 1, Fahmy ne, Petrova 2, Barberis 16, Salvini 4, Kinard 11. All. Riga

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here