TORINO – Tanta gente oggi, giovedì 12 aprile, alla camera ardente allestita a Palazzo Madama per l’ultimo saluto a Sauro Tomà, ultimo superstite del Grande Torino, deceduto all’età di 92 anni.

Diverse autorità, tra le quali il Sindaco Chiara Appendino; i dirigenti del Torino con il Presidente Urbano Cairo (che ha donato alla figlia di Tomà una maglia con il numero 3), e la rosa dei giocatori al completo, si sono recati alla camera ardente, allestita a Palazzo Madama proprio dove fu allestita quella dei giocatori del Grande Torino 69 anni fa.

ilbere
coferbanner

Ma è tutto il mondo del calcio che è in lutto per questa perdita.

Tomà era nato a La Spezia il 4 dicembre 1925, l’ex difensore vinse due scudetti con gli Invincibili tra il 1947 e il 1950, tre anni in cui collezionò 40 presenze con la maglia granata. Il 4 maggio del 1949, quando l’aereo che riportava la squadra in Piemonte dopo un’amichevole a Lisbona si schiantò sulla collina di Superga, Tomà era a casa infortunato. A salvargli la vita un infortunio al ginocchio, al menisco, che lo bloccò a lungo. Si ritirò dall’attività nel 1955 proprio a causa dei problemi a quel ginocchio, e tornò a Torino, vicino al suo Filadelfia. Scrisse due libri sulla sua vita nel Torino: Vecchio Cuore Granata e il più famoso Me Grand Turin.

Il funerale verrà celebrato domani, venerdì 13, alle 11 nella parrocchia di San Giorgio Martire, in via Barrili 12 a Torino

GUARDA IL VIDEO CON INTERVISTE

gymtonic
Allianz 2 modifica jpeg

GUARDA LE FOTO

Tritapepe
Pandolfini
primocontattolungonuovapertura

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.