IVREA – Comparso in città uno striscione che cita testuali parole: “Chiudiamo le frontiere, non le piazze”, affisso dal gruppo Rebel Firm, che in una nota spiega il gesto:

[su_slider source=”media: 125676,140168″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

“A ridosso del tradizionale carnevale eporediese sono comparse le ormai consuete “barriere anti-terrorismo”, insieme a nuove norme volte a contrastare e a prevenire maldestramente ipotetici e probabili disordini ormai troppo frequenti nel nostro Vecchio Continente. I nostri Popoli vivono ormai con la paura dettata dagli attacchi terroristici avvenuti per mano fondamentalista islamica e dalle minacce rivolte dal sedicente “Califfato”.Gli incidenti di Piazza San Carlo a Torino sono la conferma del timore del nostro popolo, essendo bastato un falso allarme a scaturire una tragedia.”

[su_slider source=”media: 141879,139264,132564″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

“Le uniche barriere devono essere poste a difesa dei nostri confini nazionali, non a ridosso delle nostre piazze nelle tradizionali feste popolari; gli animi degli Italiani e degli Europei devono essere tranquillizzati tramite serie politiche anti-immigrazione, allontanando tutti i clandestini, chiudendo le frontiere e sconfiggendo una volta per tutte gli islamisti discepoli della legge della Jihad.”

[su_slider source=”media: 100996,100993,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[su_slider source=”media: 119356,116078,109265″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here