domenica 13 Giugno 2021
domenica, Giugno 13, 2021
spot_img

CUORGNÈ – In Consiglio fa il suo ingresso la sedia rossa di “Posto Occupato”; nel corso della seduta illustrato il Dup

CUORGNÈ – Dopo Bairo, Rivarolo e Valperga, l’Associazione Donne per la Valle Sacra ha consegnato nel corso del Consiglio di sabato 23 settembre anche al Comune cuorgnatese la “sedia rossa”, nell’ambito della campagna nazionale “Posto Occupato” atta a sensibilizzare sul tema, purtroppo sempre di attualità, della violenza di genere.

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Si tratta di un gesto piccolo ma significativo dedicato a tutte le donne vittime di violenza. Ciascuna di quelle donne, prima che un marito, un ex, un amante, uno sconosciuto decidesse di porre fine alla sua vita, occupava un posto a teatro, sul tram, a scuola, in metropolitana, nella società. La sedia rossa consegnata al Comune di Cuorgnè porta il nome di Arianna con la data del giorno in cui una ragazza di nome Arianna è stata uccisa. La sedia rossa resterà all’interno della sala consiliare, come monito a chi tende a dimenticare o sottovalutare questa piaga.

Iniziativa fortemente apprezzata e sostenuta dal sindaco Beppe Pezzetto: “Ringrazio le Donne della Valle Sacra: la sensibilizzazione su questo drammatico tema è fondamentale. Come già fatto in passato invito la comunità a far emergere situazioni che spesso restano nascoste tra le mure domestiche, dobbiamo far sentire a queste vittime che siamo presenti ed aiutarle ad avere il coraggio e la forza di denunciare. Non dobbiamo e non possiamo girare la testa dall’altra parte”.

[su_slider source=”media: 124101″ limit=”100″ link=”image” target=”blank” width=”730″ height=”180″ title=”no” arrows=”no” pages=”no” mousewheel=”no” autoplay=”0″ speed=”0″]

Il consigliere Sabrina Mannarino ha inoltre ribadito come: “Il Comune abbia dato il proprio contributo, e continuerà a farlo nei prossimi mesi, realizzando momenti di sensibilizzazione all’interno delle scuole perché siamo consapevoli che oltre alle indispensabili azioni repressive solo un’adeguata educazione che parta dal rispetto possa estirpare atteggiamenti così aberranti come la violenza sulle donne”

Passando ai punti in discussione previsti nella seduta, di rilevante l’approvazione del DUP (Documento Unico di Programmazione) che stabilisce le linee guida programmatiche dell’amministrazione nel biennio 2018/2020. “Quattro sono i pilastri su cui è incentrato il DUP- ha spiegato il vice sindaco Laura Febbraro- Il primo è la scuola: sono state avviate le procedure per l’acquisizione tramite bando regionale di un contributo a fondo perduto di 800.000 euro per riqualificare l’ex Istituto Salesiani e trasferirvi le Scuole Medie e creare così un polo scolastico. Esiste già un progetto presentato in Regione e attendiamo l’apertura del bando per la concessione dei contributi previsto per il mese di ottobre”

“Secondo aspetto su cui intendiamo muoverci è quello delle viabilità per una maggiore sicurezza viaria e pedonale, favorendo la fruibilità delle aree e dei luoghi di incontro, migliorando funzionalità e l’uso razionale delle aree di sosta dei veicoli nel concentrico cittadino nelle zone di maggior insediamento di esercizi commerciali- ha proseguito sempre Febbraro – La terza area presa in esame è quella del recupero dei luoghi di cultura con il restauro del Teatro Comunale volano tra l’altro per la valorizzazione di Piazza Boetto; inoltre sulla base di finanziamenti reperiti, sono previste importanti opere di riqualificazione della struttura della Biblioteca Civica per ampliare e migliorare i servizi offerti e garantire più ampia fruibilità agli utenti, valorizzando il patrimonio testimoniale in essa custodito. Ultimo asse strategico è quello del potenziamento dell’illuminazione pubblica e più in generale dell’efficientamento energetico”.

[su_slider source=”media: 110138,119356″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Il punto passa all’unanimità, anche perché il gruppo dei Moderati di Giancarlo Vacca Cavalot non era presente in aula.

[su_slider source=”media: 100996,100993,116078″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img