CUORGNÈ – Il Presidio Libera “Luigi Ioculano” di Cuorgnè, ha organizzato, venerdì scorso a Villa Filanda, un’apericena (“Parole e Musica”) per avvicinarsi ai 100passi del 21 marzo, accompagnato dai Mangiastorie.

«Abbiamo voluto cercare di fare qualcosa di diverso rispetto a quello che abbiamo fatto in cuorgne-libera-1questi quattro anni in cui siamo operativi come presidio, – afferma Tiziana Perelli, Referente del Presidio – in passato abbiamo sempre proposto serate più impegnative, non riuscendo ad arrivare ad un pubblico più ampio. Questa volta volevamo riuscire a penetrare il territorio in maniera più profonda. Inoltre abbiamo invitato le associazioni del territorio per iniziare a collaborare con loro soprattutto in vista del utilizzo del bene confiscato.»

Si tratta della casa di Iaria per la quale Mastropietro si è già mossa in un progetto di riutilizzo cuorgne-libera-4sociale, relativo al co-housing per andare a tamponare l’emergenza abitativa decisamente in aumento in canavese.

«Ci interesserebbe – prosegue Perelli – riuscire ad avere un riscontro sul territorio per fare in modo che si conosca questo progetto. Viviamo ancora in una mentalità ancora troppo radicata sulla convinzione che certi comportamenti mafiosi qui cuorgne-liberanon esistano, nonostante l’Operazione Minotauro. Vogliamo andare nelle scuole e spiegare cos’è libera, nonché fare memoria di ciò che è accaduto in passato. Non possiamo continuare a vivere – conclude – in compartimenti stagni.»

 

GUARDA IL SERVIZIO

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here