BRA (CN) – Nella scorsa annualità i Finanzieri della Compagnia di Bra hanno eseguito un piano di interventi nei confronti di persone che avevano richiesto e ottenuto, in base al reddito familiare dichiarato, l’esenzione dal pagamento dei ticket sanitari per prestazioni mediche erogate dal Servizio Sanitario Nazionale.gdf cuneo (Rid)

La vigente normativa prevede che gli utenti delle prestazioni sanitarie il cui nucleo familiare abbia un reddito al disotto di determinati limiti siano esentati dal pagamento dei relativi ticket. I limiti di reddito sono fissati a € 8.263,31, per i disoccupati o per i soggetti a carico degli stessi, elevati ad € 11.362,05 in presenza del coniuge e maggiorati di ulteriori € 516,46 per ogni figlio a carico. Un ulteriore esenzione è prevista per i soggetti con meno di 6 o più di 65 anni di età, comunque con reddito familiare inferiore a € 36.151,98.

Le Fiamme Gialle braidesi hanno riscontrato le richieste di esenzione dal ticket per limiti di reddito concesse acquisendo dalla competente A.S.L. CN2 l’elenco dei soggetti fruitori delle stesse nel biennio 2011/2012. Gli accertamenti eseguiti hanno permesso di individuare ben 1.046 soggetti che al fine di ottenere l’esenzione dal pagamento del ticket sanitario hanno indicato un reddito inferiore a quello effettivamente conseguito e, quindi, hanno indebitamente fruito delle agevolazioni per circa 140.000 €, importo che dovrà essere restituito al S.S.N..

Poiché in nessun caso la somma delle indebite agevolazioni fruite da una stessa persona è risultata superiore ad € 3.999,96, nei confronti dei 1.046 utenti è stata applicata la sola sanzione amministrativa, che punisce l’indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato con il pagamento di una somma da € 5.164 a € 25.822.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here