NEPAL – Un forte terremoto di magnitudo 7.8 ha scosso il Nepal e vaste aree dell’India settentrionale e orientale e il sisma è stato avvertito fino in Pakistan e Bangladesh. Tredici in totale le scosse registrate a tre ore dalla prima . Il violento sisma distrutto edifici e monumenti causando oltre 1.800 morti e 4.700 feriti.NEPAL-epicentro

Il governo ha dichiarato lo stato di emergenza nelle aree colpite e ha stanziato 500 milioni di rupie (5 milioni di dollari) come fondo per gli aiuti. La zona che è crollata è patrimonio dell’Unesco.

È crollata la torre Dharahara del XIX secolo, tra i più importanti edifici della capitale,  intrappolando sotto le macerie oltre 200 persone che le squadre di soccorso stanno cercando di liberare. Finora sono stati recuperati, sotto le macerie,circa250 corpi senza vita.

Sull’Everest un campo base è stato spazzato via. A riferirlo un alpinista romeno che ha lanciato l’allarme su Twitter. Tra gli alpinisti bloccati al campo base dell’Everest ce ne sono anche due di nazionalità italiana: il milanese Marco Zaffaroni e suo compagno Roberto Boscato. I due uomini hanno fatto sapere, dalla pagina di Facebook della spedizione, che stanno bene “sono al Campo Uno, hanno perso la tenda, ma sono ospiti di una spedizione commerciale”.

L’Invg segnala che “nell’area colpita dal terremoto non ci sono stati forti terremoti per diversi secoli; per questo motivo la zona intorno alla capitale Kathmandu era considerata un gap sismico” e che le vittime potrebbero essere centinaia di migliaia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here