TRAUSELLA – Il comune di Trausella, in Valchiusella, durante il 2013, ha già iniziato a mettere a frutto concretamente i 757.111 euro del “Fondo per la valorizzazione e promozione della aree territoriali svantaggiate confinanti con le Regioni a Statuto Speciale – Finanziamento dei progetti” ricevuti nell’autunno del 2012.

Osservatorio faunistico
Osservatorio faunistico

Il fondo interessa le macro aree confinanti con la regione Valle d’Aosta, il Trentino Alto Adige ed il Friuli Venezia Giulia.

Mentre nel precedente bando, risalente a oltre quattro anni fa, era stato possibile spaziare su più argomenti, ora le proposte di intervento dovevano essere precise, coerenti, concrete e attuabili. Inoltre erano davvero stretti i tempi di presentazione dei progetti. A decorrere dalla data di pubblicazione del bando, 21 marzo 2012, i Comuni interessati dovevano presentare le loro proposte entro il 19 giugno al Dipartimento per gli Affari Regionali presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

L’amministrazione guidata da Michelangelo Boglino ha portato a termine già quattro interventi.

Il più importante, ha interessato la sede dell’Osservatorio Faunistico, presso l’Alpe Torretta. Con una spesa di 134.500 euro, è stato rifatto il tetto, ben 304 metri quadri, in lastre di zinco-titanio “Rheinzink “, spessore 8/10, finitura prepatinata, decapaggio scuro (colore grigio scuro) , che non necessitano di alcuna manutenzione ed ha una durata davvero eccezionale. Il colore e la composizione del materiale lo rendono idoneo anche

Via Inverso
Via Inverso

dal punto di vista ambientale e ad impatto zero anche nei confronti dei vincoli paesaggistici.

Sul tetto, invece, era già presente in piccolo impianto fotovoltaico che ora è stato potenziato. Esso potrà produrre 4 Kw di energia che servono l’Osservatorio e l’alloggio del margaro, posto al piano terreno dell’Alpe Torretta.

Gli altri tre interventi hanno, invece, interessato l’abitato di Trausella.

Sono state realizzate, con una spesa di 63.150 euro, ben cinque isole ecologiche con casette in legno con lo spazio per 3 cassonetti ciascuna per la raccolta differenziata. Quattro di loro hanno uno scomparto a parte per la campana della raccolta vetro. La copertura delle aree è stata effettuata con un nuovo tipo di lose che sono esteticamente piacevoli, praticamente identiche alle lose tradizionali in pietra, ma sono costituite da macinato di pietra naturale inglobato in resine speciali.

In via Rueglio e via Inverso, con 39.155 euro di impegno, sono stati inseriti, complessivamente, dieci punti luce rispondendo anche ad alcune richieste degli abitanti. Si tratta di pali per l’illuminazione muniti di pannello fotovoltaico.

Parco giochi

Un quarto intervento, infine, ha interessato l’area del parco giochi adiacente alla chiesa. Oltre ad inserire punti luce con pannello fotovoltaico per la fruibilità dell’area anche durante le ore serali, con un totale di 52.990 euro, è anche stato realizzato un impianto fotovoltaico da 6 Kw posizionato sulla tettoia del parco giochi. L’energia elettrica prodotta viene ceduta all’Enel andando a compensare le spese dell’illuminazione pubblica e degli uffici comunali presso cui, nella prossima primavera, oltretutto, verrà realizzato, sempre sul tetto, un altro impianto.

Un intervento analogo interesserà, l’anno prossimo anche l’ex edificio municipale, sito nel cuore di Trausella, che conserva l’archivio storico e presso cui si trovano una sala riunioni, la sede della Pro Loco, alcuni magazzini e l’ambulatorio medico.

Il sindaco Boglino sta già pensando anche ai mesi a venire e fa sapere che a breve, su richiesta di molti abitanti, partiranno, lungo via Rueglio, nei pressi del cimitero, anche i lavori per la realizzazione di un’area illuminata e recintata per il conferimento ed il deposito temporaneo degli ingombranti e dello sfalcio verde.