martedì 7 Febbraio 2023

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

Direttore Responsabile: Magda Bersini

spot_img

LOMBARDORE – Gli alunni della primaria faranno ginnastica nel sottoscuola e non in palestra

«L’Amministrazione - risponde il Sindaco Rocco Barbetta - nell’ottica del contrasto alla crisi energetica, ha deciso di sostituire per la stagione invernale i locali della palestra con quelli del sottoscuola, recentemente ristrutturato e riscaldato quotidianamente dall’impianto scolastico»

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:

LOMBARDORE – La palestra comunale non sarà messa a disposizione delle scuole per lo svolgimento delle lezioni di educazione motoria, così come previsto dal programma scolastico ministeriale. L’interrogazione promossa dal consigliere di “Esperienza – Innovazione” Matteo Papagni su questo tema, e nella quale si sottolineava il fatto che i bambini svolgevano quelle lezioni all’aperto, ha avuto un seguito:

«L’Amministrazione – risponde il Sindaco Rocco Barbetta – nell’ottica del contrasto alla crisi energetica, ha deciso di sostituire per la stagione invernale i locali della palestra con quelli del Centro ricreativo Culturale, il sottoscuola, recentemente ristrutturato e riscaldato quotidianamente dall’impianto scolastico». Una risposta che, per certi versi, ci può stare. Tutti i sindaci, infatti, sono quotidianamente impegnati a cercare soluzioni per contenere i rincari dovuti all’aumento delle bollette.

Ma che apre il fronte a qualche perplessità delle opposizioni, firmatarie di una nuova interrogazione: «Il gruppo consigliare di opposizione è ben consapevole del rincaro dei costi relativi alla crisi energetica, però ritiene più importante e doveroso mettere al primo posto la sicurezza dei giovani studenti della primaria, fornendo loro locali adeguati a svolgere le attività scolastiche, nello specifico le lezioni di educazione motoria. A questo fino il nostro gruppo intende sapere se il sindaco può attestare che i locali del Centro Ricreativo Culturale siano a norma e idonei ad ospitare personale docente e alunni per quelle lezioni. Ad oggi, ci risulta che gli alunni effettuino ancora educazione motoria all’aperto, nonostante il marcato abbassamento delle temperature diurne».

© Riproduzione riservata

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
spot_img
spot_img
spot_img