venerdì 27 Maggio 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

spot_img

CASTELLAMONTE – Primo comune alto canavesano a posare le Pietre d’Inciampo (FOTO E VIDEO)

Inaugurate questa mattina in occasione delle celebrazioni del 25 Aprile

CASTELLAMONTE – Questa mattina, lunedì 25 aprile 2022, in occasione delle celebrazioni per il 25 Aprile, sono state inaugurate, in piazza Repubblica, le Pietre d’Inciampo in memoria dei cittadini castellamontesi deportati nei campi di concentramento tedeschi.

Le Pietre d’Inciampo sono un progetto dell’artista tedesco Gunter Demnig, per riscattare, a suo dire, le colpe del suo popolo nella tragedia della Seconda Guerra Mondiale. Ciascuna pietra con il nome di una persona deportata nei campi di concentramento.

A Castellamonte, primo comune alto canavesano a posarle, ne sono state messe tre, nel posto dove sorgeva la palestra dove venivano raggruppati in seguito al rastrellamento nazi-fascista.

“Il Comune di Castellamonte – ha commentato l’Assessore alla Cultura Claudio Bethaz – ha accolto la proposta dell’Associazione La Memoria Viva che ringraziamo, e, con la collaborazione di Terra Mia, anch’essa meritevole di ringraziamenti per le ricerche storiche effettuate, ha voluto ricordare i castellamontesi che non sono più tornati a casa.”

“Ufficialmente sono 6 i cittadini castellamontesi deportati, che non hanno fatto ritorno – ha spiegato Emilio Champagne, Presidente di Terra Mia – purtroppo abbiamo potuto mettere solo tre Pietre d’Inciampo perché, per poterlo fare, si deve seguire una prassi, una sorta di “regolamento” che richiede una determinata documentazione. E siamo riusciti a reperirla solo per tre castellamontesi. Che non significa voler dimenticare gli altri.”

Le tre Pietre ricordano Luciano Rainelli, Elio Zucca e Pietro Bocca.

La cerimonia è stata aperta dal corteo formato dai componenti dell’Amministrazione comunale, dai sindaci di altri comuni canavesani, una rappresentanza di bimbi delle scuole, associazioni e cittadini, preceduti dalla Banda.

Un bel gesto per non dimenticare chi ha perso la vita in un modo così tragico.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img