venerdì 30 Luglio 2021
venerdì, Luglio 30, 2021
spot_img

ASSAGO – 10 Febbraio: “Commemorare il ricordo per costruire il nostro futuro”

Il Comune di Assago vuole dar vita ad iniziative per sensibilizzare i cittadini alla cooperazione e alla collaborazione al fine di abbattere ogni forma di razzismo e di bullismo  

ASSAGO – Oggi si commemora il giorno del ricordo per non dimenticare la tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle Foibe.

“ È indubbio che non basti commemorare, bisogna agire affinché ciò non accada più – dichiara Lara Carano, Sindaco di Assago – La nostra società è pervasa,  ancora oggi, da gesti di odio, di discriminazione razziale, sociale e da fenomeni quali il bullismo, il mobbing e la violenza nei confronti delle donne e dei più deboli socialmente.

Si osservano anche nuove forme di violenza psicologica, agite, ogni giorno, attraverso l’utilizzo dei social, che inducono i più fragili ad esserne vittime, conducendo, in alcuni casi, al suicidio.”  

Il Comune di Assago vuole dar vita ad iniziative per sensibilizzare i cittadini alla cooperazione e alla collaborazione al fine di abbattere ogni forma di razzismo e di bullismo.

“È indispensabile – aggiunge il primo cittadino – educare, a partire dalle scuole per l’infanzia, al rispetto degli altri, all’uso del linguaggio amichevole e gentile, alla cortesia, alle cosiddette “belle maniere”, che costituiscono il  presupposto ineludibile per impedire l’insorgere della violenza e della rozzezza umana. 

Si osserva come la società attuale abbia messo da parte la cortesia e la gentilezza che sono espressione di civiltà e di felice convivenza con gli altri, da ritenersi degni di rispetto e di gesti affabili, proprio in quanto se si consente che imperversi la violenza del linguaggio e del gesto violento nei confronti degli altri, avrà il sopravvento la morte della nostra civiltà e della sua evoluzione verso forme più elevate di convivenza pacifica e creativa di benessere per tutti. 

Riteniamo sia doveroso che la scuola diventi fautrice di una politica dell’educazione ispirata ai principi morali della pacifica convivenza e dell’amore fraterno, sorretto dalla cortesia e dalla gentilezza verso gli altri. 

La scuola ha il compito primario di essere educatrice dell’animo umano affinché in esso vivano i valori  del rispetto della dignità degli altri.

Ricordare, certamente, – conclude Carano – ma agire sul piano delle coscienze, affinché chi ha perso la vita non l’ha persa invano”.

urbanlungo
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img