giovedì 4 Marzo 2021

CANAVESE – Covid: ecco qualche discrepanza tra i dati dell’Unità di Crisi e dati dei Comuni

Uno sguardo sulle differenze in alcuni comuni; i decessi

CANAVESE – Sta diventando sempre più difficile fornire i numeri di questa epidemia, tra i dati forniti dall’Unità di Crisi che riguarda i domiciliati e quelli forniti dai Comuni, che comprendono i residenti.

A differenziare i due quadri non sono soltanto i domiciliati non residenti o i residenti domiciliati altrove, ma soprattutto i tamponi effettuati nelle RSA, dove sussistono sia ospiti che operatori sanitari positivi.

Da qui la sollecitazione alla Regione del Sindaco di Bosconero, Paola Forneris, e la scelta del Sindaco di Rivarolo, Alberto Rostagno, di non fornire numeri, almeno non quelli dell’Unità di Crisi, ma soltanto quelli verificati personalmente.

Allineato il comune di Favria, dove il Sindaco ha scelto di inserire entrambi i valori: domiciliati 17 e residenti 23. I decessi finora, sono 2.

Coincidono anche i numeri di Bairo (tra domiciliati e residenti): 5 casi positivi di cui 1 decesso.

Discrepanza notevole per quanto concerne Bosconero, dovuto proprio agli ospiti e agli operatori della Casa di Riposo: per l’Unità di Crisi i positivi sono 91, per il Comune 43. 9 i decessi.

Stesso discorso per Borgaro Torinese dove la situazione è un po’ più confusa, tra residenti e domiciliati. Secondo l’Unità di Crisi, dopo l’esito dei tamponi effettuati alla Rsa Casa Mia, i casi domiciliati positivi sono passati da 50 a 75. Per il Comune i positivi erano 40; i test effettuati alla Rsa hanno fatto emergere 40 ospiti e 15 operatori sanitari positivi, ma di questi non è stato reso noto dal Comune eventuali residenze o il domicili in loco, venendo così a mancare il numero finale. 6 le persone decedute.

A Brandizzo i domiciliati positivi (Unità di Crisi) sono 101; per il Comune i residenti positivi sono 112; 5 le persone decedute.

Allineato, al momento, il Comune di Castellamonte con 22 casi positivi e 1 decesso.

A Cuorgnè i domiciliati positivi sono 24, mentre i residenti positivi (numero dato dal Comune) sono 29; 6 i deceduti.

Discrepanza anche tra i numeri di Chivasso: domiciliati positivi 97; residenti positivi 115; 27 i decessi.

A Ciriè è più alto il numero dei domiciliati, 57, contro i 50 residenti; 3 i decessi.
40 domiciliati positivi a Leini per l’Unità di Crisi, e 47 residenti positivi per il Comune. 6 i decessi.

A Rivarolo Canavese l’Unità di Crisi registra 55 domiciliati positivi, mentre il Comune registra 69 residenti; 5 i decessi.

A San Francesco al Campo, 12 domiciliati positivi; 17 residenti; 2 decessi.

Altra notevole differenza a San Maurizio Canavese, dove la Regione registra 69 domiciliati positivi e il Comune 48 residenti; 5 decessi.

Infine ancora uno sguardo a Volpiano, dove c’è una Rsa, l’Unità di Crisi registra 103 casi positivi, mentre il Comune dichiara 67 residenti positivi; 14 i decessi.

Leggi anche...