DRUENTO – L’inaugurazione della Dance School “Special Angels”, che si è tenuta ieri, martedì 17 settembre, in via Dante Alighieri 7 a Druento, è stata emozionante e ha toccato il cuore di tutti i presenti.

Emozionante perchè questa cerimonia è stata l’inizio di un nuovo percorso per Virginia Di Carlo, che, con tanta forza e determinazione, è riuscita, con sua sorella Martina, a realizzare il suo sogno.

Virginia, 26 anni, è affetta da asfissia neonatale paralisi cerebrale, tetraparesi spastica. Secondo i medici non sarebbe dovuta sopravvivere oltre i 18 anni. Invece eccola qui, radiosa e sorridente, con la vita, la musica e la danza che le scorrono nelle vene.

La danza è stata il file rouge che ha unito le due sorelle fin da piccole. Una passione forte, che ha aiutato Virginia a camminare: “Mamma accompagnava mia sorella Martina e mio fratello Michele a danza e un giorno chiesi di accompagnarmi, nonostante lei non volesse, per paura che rimanessi delusa. Ricordo che mentre ascoltavo la musica caraibica uscire dalle casse, cominciai a muovermi, se ne accorse Daria Mingarelli, la maestra di danza e mi chiese se volevo provare e accettai. Avevo undici anni e successe il miracolo, iniziai a camminare e a danzare”.

Virginia è una forza della natura, una ragazza che a undici anni non stava nemmeno in piedi ora è laureata e insegna ai ragazzi con disabilità a danzare e, soprattutto, ha realizzato il suo sogno: aprire la scuola di danza per disabili.

C’erano tutti ad applaudirla, visibilmente commossi, ieri a Druento: il Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, il Presidente del Consiglio Regionale Stefano Allasia, il Presidente del Coni Giovanni Malagò (padrino d’eccezione dell’evento), il Sindaco di Druento Carlo Vietti nonchè i Sindaci di Grugliasco, Collegno e Borgaro Torinese. Presente anche la Campionessa Paraolimpica di Equitazione, Carola Semperboni.

Virginia Di Carlo ha realizzato il suo sogno, donando a tutti una grande lezione di vita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here