spot_img
sabato 18 Settembre 2021
sabato, Settembre 18, 2021

RIVAROLO CANAVESE – Approvato in consiglio il gemellaggio con la Comunità Ginestrese

Se ne parlava dal 2015

RIVAROLO CANAVESE – Il gemellaggio con l’Associazione Ginestrese è diventata realtà.

Il punto è stato infatti approvato all’unanimità durante il Consiglio Comunale che si è tenuto ieri sera, giovedì 28 marzo.

Ad illustrare il punto è stato il consigliere Michele Nastro, che ha rimarcato, innanzitutto, l’esistente gemellaggio con Sunchales (Argentina), per poi spostare l’attenzione sulla comunità Ginestrese.

[su_slider source=”media: 179286,179285,” limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

“ La proposta fu avanzata nel maggio 2015, in occasione della 3^ edizione di “Rivarolo in Fiore” organizzata dall’Associazione Ginestrese – ha spiegato Nastro – quando Alberto Rostagno, sindaco di Rivarolo e Zaccaria Spina, sindaco di Ginestra degli Schiavoni, formularono l’ipotesi di un possibile gemellaggio tra i due comuni. Questa proposta fu ribadita dal vicesindaco Edo Gaetano nel 2016 in occasione della festa patronale di San Giacomo presso lo stand allestito dall’Associazione Ginestrese.

A concretizzare quanto affermato verbalmente in queste due occasioni, dal presidente dell’Associazione Ginestrese Barbara Sangiorgi è pervenuto ai due comuni nell’ottobre del 2018 l’invito a voler ufficializzare il gemellaggio motivando questa richiesta con le seguenti con le seguenti osservazioni:

“Nella seconda metà del 1900 un consistente nucleo di Ginestresi si è progressivamente e positivamente insediato, prevalentemente per motivi di lavoro, nella Città di Rivarolo Canavese, entrando positivamente a far parte, con la propria operosità e la propria sensibilità, del tessuto produttivo ed ancor più della comunità sociale.

A fronte della positiva accoglienza ricevuta i Ginestresi, pur mantenendo vivo il ricordo della propria appartenenza e delle natie tradizioni, possono orgogliosamente asserire di costituire da tempo una ormai consolidata presenza associativa che, oltre a perpetrare le tradizioni derivanti dalle proprie origini, svolge una apprezzata ed unanimemente condivisa azione coniugante aspetti di folklore ed iniziative di aggregazione sociale aperte a tutti, con importanti interventi solidaristici nei confronti delle fasce deboli della Comunità.

Vantano, i Ginestresi, la serena consapevolezza di rappresentare un importante esempio di quanto abbia significato per il Paese il fenomeno emigratorio e di come esso possa tradursi, ove ben interpretato e favorevolmente vissuto, in un positivo arricchimento sia per chi lo viva da protagonista quanto per la comunità che lo accolga.

Oggi la Comunità Ginestrese, e lo affermano con orgoglio i componenti tutti, può dirsi a tutti gli effetti totalmente e pienamente integrata nel tessuto sociale della Città, ed il continuare a ritrovarsi in forma associativa costituisce unicamente il voler mantenere, in senso affettivo e culturale, un legame con il Comune di provenienza, con radici e sentimenti che non possono venir rescissi.”

[su_slider source=”media: 175353″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

“A comprova di questa condizione – prosegue la lettera – pare rilevante sottolineare come nell’Associazione siano entrati a far parte, nel tempo, anche Rivarolesi che non possiedono specifica condizione di provenienza Ginestrese ma che condividono ed apprezzano gli indirizzi associativi: si tratta di una Associazione tutta volta ad includere e non già ad escludere le persone, come del resto è avvenuto da parte dei Rivarolesi che un tempo seppero aprire le braccia ai primi Ginestresi, apprezzandone la serietà, l’operosità e la generosità.”

“ll motivo della presente istanza – conclude – verte quindi nell’auspicio di poter vedere l’ufficializzazione, da parte delle Amministrazione dei due Enti Locali, di uno stato di fatto già totalmente concreto ed attuale: si è convinti che un atto di gemellaggio ratificato dai due Consigli Comunali non faccia altro che sancire quanto già da tempo, ormai da più che una generazione, hanno espresso gli animi umani, le sensibilità connaturate con le rispettive tradizioni di accoglienza e laborioso convivere, l’amore per la propria terra e per i luoghi più cari ad ognuno.”

Ora finalmente è stato approvato l’auspicato gemellaggio.

Concordi tutti gli amministratori. Il Consigliere di opposizione Martino Zucco Chinà ha dichiarato che si augura che l’amministrazione futura curi questo gemellaggio e ravvivi quello con Sunchales lasciato da parte.

“Il gemellaggio con Sunchales non è stato dimenticato – hanno replicato il vice Sindaco Edoardo Gaetano e il Sindaco Alberto Rostagno, semplicemente a causa della sempre più difficile situazione economica di Sunchales, non è potuto ravvivare mandando gruppi di ragazzi là e viceversa.”

[su_slider source=”media: 179291,179288″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img