venerdì 18 Giugno 2021
venerdì, Giugno 18, 2021
spot_img

TORINO – Crea account falsi e si finge di una società di noleggio auto; arrestato per truffa

Con lui è stato denunciato un 30enne

TORINO – Un cittadino italiano di 22 anni, è stato arrestato dagli agenti della Squadra Volante per truffa nei giorni scorsi.

[su_slider source=”media: 179285,179286″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Gli agenti sono stati inviati in via Campiglia angolo via Breglio dove era stata segnalata la presenza di una persona, a bordo di un’auto di una società di car-sharing, che stava compiendo una truffa. Giunti sul posto, gli agenti hanno fermato per un controllo l’uomo, che si trovava in compagnia di un’altra persona, dato che la società che gestisce il servizio aveva segnalato delle anomalie nella documentazione fornita in sede di apertura dell’account.

Sul posto gli agenti hanno appurato che l’auto era stata noleggiata utilizzando un nome diverso da quello del ventiduenne. Successivamente, è emerso che il giovane, gravato da numerosi precedenti di polizia, aveva creato diversi account per il servizio di car-sharing al fine di noleggiare le auto, utilizzando generalità carpite a ignare vittime, contattate tramite un portale attraverso il quale si offriva un fantomatico lavoro, proprio con la società di car-sharing.

[su_slider source=”media: 175353,162328″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Al servizio clienti della società di noleggio erano giunte diverse segnalazioni di persone che erano state contattate da un uomo il quale, spacciandosi per dipendente, prometteva una prossima assunzione chiedendo che gli venisse inviata copia del documento di identità e una foto. I malcapitati non vendendo ricontattati chiamavano la società dove scoprivano di essere stati raggirati. Tutti gli account creati erano però associati a un unico mezzo di pagamento: una postepay intestata all’arrestato.

La persona in compagnia dell’arrestato, un cittadino italiano di 30 anni, è stata, invece, denunciata in stato di libertà per possesso di segni distintivi contraffatti, poiché trovato in possesso di una placca dei Vigili del Fuoco pur non appartenendo al corpo.

[su_slider source=”media: 119356,147401,144690″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[su_slider source=”media: 179291,179289,179288,179290″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img