VENARIA REALE – Per soddisfare i palati più raffinati a Venaria ci pensa Ugo Gastaldi, lo chef di fama internazionale che da un paio di mesi è approdato al ristorante Bergamotto.

[rev_slider alias=”paonessa”]

Sono numerosi i Vip che hanno scelto il “Bergamotto”, uno dei locali storici a pochi metri dalla residenza sabauda, gestito da Gianni e Massimo oramai abituati a servire ospiti di prestigio, come calciatori, attori e cantanti, tra questi la top model Claudia Schiffer e il marito Matthew Waughn e in ultimo Max Gazzè, a Venaria in questi giorni per il tour, partito dal teatro Concordia, riscontrando un grande successo con la tripla data, in occasione del ventesimo anniversario de “La Favola di Adamo ed Eva”, album cult del pop italiano.

[su_slider source=”media: 175353,162328″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

L’ambasciatore della cucina italiana, dopo aver gestito e lavorato nei più prestigiosi ristoranti del mondo, dove ha cucinato per l’ex segretario delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, la moglie dell’ex presidente degli Stati Uniti Barak Obama, Michelle, il segretario di Stato americano John Kerry, il presidente Sergio Mattarella, l’attore italo americano Leonardo Di Caprio, il grande attore e regista americano, Morgan Freeman , Prince e Stevie Wonder, tanto per citare qualche nome che il figlio di contadini canavesani ha fatto apprezzare il cibo italiano “Amano la cucina italiana, soprattutto gli americani, sono innamorati dei prodotti della nostra terra che hanno gusti particolari semplici e ben definiti”.

[su_slider source=”media: 119356,147401,144690″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Gastaldi dopo aver iniziato la sua carriera ad Agliè è approdato a Washington al “Cafè Milano” e a Parigi come Executive Chef al Ristorante di cucina italiana “L’Assaggio”, presso l’ Hotel Castille, premiato da una giuria internazionale come “Migliore Boutique Hotel del mondo”, dopo aver contribuito a far conoscere ed apprezzare lo stile gastronomico “Made in Italy” nel mondo è tornato in Patria dove Gianni e Massimo gli hanno aperto le porte del loro ristorante in piazza Annunziata, dove attendono Cristiano Ronaldo per far assaggiare la pizza dedicata al fenomeno.

[rev_slider alias=”urb”]

E chissà, visto che si parla di un trasloco dalla collina torinese al Parco della Mandria, non si possa realizzare e ad aggiungere un nome alla lunga lista del grande cuoco piemontese Ugo Gastaldi dove l’ingrediente che non manca mai nei suoi piatti è la tradizione: “Se vogliamo spingere troppo sull’acceleratore di una cucina molto innovativa, rischiamo di perdere l’identità del gusto. Non c’è nulla di male nella contaminazione tra culture gastronomiche differenti, ma anche quando propongo piatti creati da me, oppure propongo una cucina in qualche modo “creativa”, parto sempre da un piatto di solida tradizione, che poi posso rielaborare inserendo elementi di novità, sia nei prodotti che nei processi di lavorazione. Probabilmente questo discorso non raccoglierà il plauso di qualche chef bi o tristellato che si ritiene maestro di gusto e superiore a “dettagli” quali la storia e la tradizione gastronomica italiana, ma questo resta il mio pensiero”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here