TORINO – È torinese il virtuoso della ruota canadese che in 30 secondi ha compiuto 48 giri consecutivi sul pavimento, realizzando la figura nota in gergo tecnico “la moneta”, battendo il precedente primato (45 giri in 30 secondi) detenuto da un collega cinese.

[rev_slider alias=”paonessa”]

Si chiama Andrea Cerrato, 29 anni, un passato da danzatore hip hop prima di approdare alle arti circensi. Proprio a Torino si diploma nella disciplina della ruota Cyr (la ruota messa a punto dall’acrobata canadese Daniel Cyr che la rese popolare al grande pubblico in occasione della cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici invernali del 2006).

Da lì una serie di scritture sempre più importanti, una importante collaborazione con Valerié Inertie, la più apprezzata interprete di questa disciplina, già Clown d’Argento al Festival di Monte Carlo, con la quale attualmente si esibisce nella compagnia di “Alis, Le Cirque with the top world’s performers”, imponente produzione di circo contemporaneo che porta nei più importanti teatri e nei più grandi palazzetti di Milano, Genova, Firenze alcune delle star del Cirque dul Soleil del calibro di Viktor Kee e Anatoly Zaliewsky.

[su_slider source=”media: 162328,175353″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

La strabiliante performance è andata in onda ieri a “La Notte dei Record”, lo show televisivo condotto da Enrico Papi in prima serata su Tv8 che si prefigge di proporre i migliori al mondo in una serie di funamboliche e vertiginose sfide al cardiopalma. La prova di Cerrato lo inscrive a pieno titolo nel Guinnes World Record.

“Quando ho conosciuto la roue Cyr ho capito che sarebbe stata la mia disciplina. La ruota è un attrezzo molto faticoso, ma al contempo che ti consente di spaziare molto, di interpretarla, lasciando all’artista molto margine per esprimere la propria personalità. In questo caso – spiega Andrea Cerrato – mi ha consentito di vincere una sfida quasi agonistica, battendo un record di forza e resistenza in pochi secondi, ma generalmente è un attrezzo al servizio di una drammaturgia, e mi consente di veicolare una storia e dei sentimenti, come una danza appunto. In questa sfida mi sono divertito molto e Papi, il conduttore è stato simpatico e mi ha messo a mio agio, ma è sul palcoscenico che mi esprimo al meglio, e sono molto fiero di far parte in questo momento di un cast prestigioso e di alto livello come quello di Alis” – conclude Cerrato.

[rev_slider alias=”librofiori”]

[su_slider source=”media: 147401,144690″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[rev_slider alias=”urb”]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here