CIRIÈ – Pullman della Gtt in fiamme, operazione brillante dei carabinieri. Ma non bisogna abbassare la guardia. Questo è il senso della discussione che si è sviluppata lunedì 19 novembre sull’incendio dei bus di linea da parte di un senzatetto.

Ha sostenuto il Sindaco Loredana Devietti: “Nella notte tra mercoledì 14 e giovedì 15 novembre sette mezzi della Gtt sono andati a fuoco. Le indagini sono state condotte in poche ore, concludendosi con l’arresto del responsabile. Il fermo è stato convalidato e il piromane è stato tradotto in carcere. La sottoscritta e il vice Sindaco erano presenti sul posto. Abbiamo assistito a una situazione che poteva trasformarsi in tragedia. Ringrazio tutti coloro che sono intervenuti. Siamo riconoscenti ai carabinieri che hanno identificato l’autore. Per il buon esito della vicenda sono state determinanti le immagini delle telecamere del Comune. Da poco è stato installato il collegamento diretto con la tenenza. Un grazie va anche ai Vigili del Fuoco di Torino e di San Maurizio che sono rimasti sul posto per ore a spegnere il rogo. Anche la Gtt ha fatto la sua parte, prodigandosi per garantire il servizio dei pendolari con bus sostitutivi già a poche ore dall’incidente. Molto importanti sono stati, infine, i contributi del responsabile del settore della protezione civile del municipio Piero Bergamasco e anche del comandante dei vigili urbani Roberto Macchioni”.

nfimpiantibanner
coferbanner

Il fatto ha avuto una risonanza mediatica in tutta la zona, facendo discutere parecchi amministratori, non solo quelli ciriacesi. Durante la seduta pubblica la minoranza consiliare ha voluto esprimere alcune riflessioni sul tema sicurezza. Ha affermato il capogruppo pentastellato Franco Silvestro: “Sembra che nessuno si sia posto il problema di come mai ci fosse un senzatetto in giro per Ciriè. Sarebbe opportuno prevenire reati di questo genere. Non ero a conoscenza di persone vaganti per la città senza alcun tipo d’aiuto”.

Per il consigliere del centro-destra Davide D’Agostino non bisogna abbassare la guardia: “Ultimamente in città si verificano episodi che non ci fanno dormire sonni tranquilli. Esprimo soddisfazione per il fatto di aver identificato responsabile. Tuttavia non si può ascrivere questo fatto come disagio sociale. Sollecito la necessità di mantenere alta la guardia. Ci sono problemi sociali davvero complessi da risolvere, l’abbiamo visto discutendo la questione dell’emergenza abitativa. La soddisfazione di un celere intervento è marginale rispetto alle enormi criticità che restano d’affrontare”.

Allianz 2 modifica jpeg
ilbere
Tritapepe

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here