ALESSANDRIA – “Una situazione allucinante, tanto più grave se si considera che questa è l’ennesima aggressione che avviene in Piemonte contro appartenenti alla Polizia Penitenziaria”,  commenta Vicente Santilli, Segretario Regionale per il Piemonte del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, il primo e più rappresentativo della Polizia Penitenziaria.

Questa mattina, intorno alle 10,15,  presso l’Istituto penitenziario di Alessandria San Michele, un detenuto albanese, ha aggredito, proditoriamente e per futili motivi un Agente di Polizia Penitenziaria, stringendogli le mani al collo e sbattendolo contro il muro. L’agente, a stento e’ riuscito a divincolarsi dalla presa al collo da parte del detenuto.

Il Poliziotto penitenziario aggredito è ancora in stato di monitoraggio presso il Pronto Soccorso del Nosocomio cittadino.

nfimpiantibanner
coferbanner

La situazione nelle nostre carceri resta allarmante, nonostante si sprechino dichiarazioni tranquillanti sul superamento dell’emergenza penitenziaria: la realtà è che i nostri poliziotti continuano ad essere aggrediti senza alcun motivo o ragione.

I problemi del carcere sono reali, come reale è il dato che gli eventi critici nei penitenziari sono in aumento da quando vi sono vigilanza dinamica e regime aperto per i detenuti.

ilbere
Tritapepe

Tutto il personale del Corpo di Polizia Penitenziaria in servizio in Piemonte chiede maggiore tutele.

E’ evidente a tutti che è necessario intervenire con urgenza per fronteggiare le costanti criticità penitenziarie, a cominciare dal ripianamento delle carenze organiche dei Reparti di Polizia Penitenziaria del Piemonte”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here