ASTI – I militari della Compagnia di Canelli con una breve attività d’indagine, già il giorno dopo il deprecabile episodio, hanno stretto il cerchio dei possibili autori del danneggiamento della statua della Madonna, in Via della Croce Rossa a Canelli.

Una volta convocati in caserma, accompagnati dai genitori, due ragazzini della zona, di 13 e 15 anni, hanno immediatamente dichiarato la propria responsabilità circa il danneggiamento dell’edicola votiva, riferendo che, per gioco, hanno staccato la mano della Madonna come già avvenuto in altre occasioni perché rimovibile, probabilmente a causa di una precedente manomissione, ma che, nell’ultima circostanza, era accidentalmente caduta a terra scivolando dalle mani di uno dei due giovani. Nessun intento sacrilego quindi, ma il maldestro maneggiamento di un pezzo della statua sarebbe all’origine dell’increscioso evento.

nfimpiantibanner
coferbanner
gymtonic

L’attività dei militari si è conclusa pertanto con il deferimento dei ragazzini, dei quali il più giovane non è imputabile, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni di Torino.

ilbere
Tritapepe

Dopo aver appreso dalla viva voce dei propri figli le circostanze in cui erano avvenuti i fatti, i genitori, dopo averli severamente redarguiti, hanno manifestato ai Carabinieri l’intenzione di provvedere a proprie spese alla riparazione della statua.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here