RIVOLI – Proponeva ad amici e conoscenti di fare benzina ad un prezzo nettamente inferiore di quello corrente; 1 euro al litro anziché 1,48; questo, utilizzando una carta carburanti a lui affidata in qualità di autista presso una ditta di servizi.

ilbere
Paonessa
coferbanner

Personale del Commissariato di Rivoli, acquisita l’informazione della probabile commissione del reato, ha sottoposto a controllo, il 5 giugno scorso, presso un distributore di carburanti Q8 di Rivoli, B. D., classe 1975, ove lo stesso stava proponendo ad un conoscente il “solito “ affare. Alla vista degli agenti l’uomo ha simulato, però, di voler fare rifornimento con una banconota da 20 euro, ma è stato fermato e controllato. L’uomo è stato trovato in possesso di una carta carburanti intestata alla ditta presso la quale lavora in qualità di autista.

Effettuando un controllo presso il distributore è emerso che nell’ultima settimana, tramite quella carta, erano stati operati 9 pagamenti relativi a carburante, per un importo di quasi 1000 euro, tutti a distanza estremamente ravvicinata nell’arco dello stesso giorno. I responsabili della ditta, sentiti in merito, hanno riferito che le tessere, al termine dell’orario di lavoro, devono essere immancabilmente lasciate a bordo del mezzo avente la targa indicata sulla carta stessa e mai portate al seguito; pertanto, le operazioni effettuate nella settimana precedente con quella carta erano da ritenersi di natura fraudolenta. Per l’uomo sono scattate le manette per indebito utilizzo di carte di credito e pagamento e appropriazione indebita.

gymtonic
Allianz 2 modifica jpeg

Tritapepe
Pandolfini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.