lunedì 1 Marzo 2021

CUORGNÈ – Alla Casa di Riposo Umberto I, diverse attività (FOTO)

CUORGNÈ – Giorni intensi di novità alla Casa di Riposo Umberto I di Cuorgnè.

Nella prima settimana di aprile, Anna Maria Franceschi ha presentato una dimostrazione di “Riflessologia Plantare” tecnica risalente ai tempi della civiltà egiziana e usata principalmente con funzione preventiva. Col trascorrere del tempo, questa tecnica è approdata nelle civiltà orientali per giungere nel 1970 in Europa, ora usata più che altro come tecnica di rilassamento…

[su_slider source=”media: 147401,150947″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Dopo una presentazione teorica con l’ausilio di slades che raccontavano i trascorsi e il razionale della riflessologia e del perché oggi si usa questa tecnica, più che altro per migliorare il benessere generale, si è provveduto con una dimostrazione pratica, su alcuni ospiti, con la stimolazione delle terminazioni nervose del piede che permette l’eliminazione naturale dello stress accumulato nel nostro corpo. “I riscontri sono stati molto lusinghieri – dichiara il Direttore Raffaele Brasile.- un approccio olistico del benessere e salute della persona è la strada vincente anche per un’ottima “compliance” terapeutica, assistenziale e sociale. La valorizzazione e partecipazione anche con approcci non convenzionali è un obiettivo strategico del nostro Ente”.

[rev_slider alias=”maf”]

 

 

Il 14 aprile si è tenuta la “Festa del tramezzino”. Un particolare pomeriggio che ha visto impegnati gli ospiti a riscoprire vecchi e nuovi sapori. Sapori di un tempo fa, sapori di casa. La cucina, con il cuoco in prima fila, ha fibrillato nella preparazione dei tramezzini: acciughe al verde e bagnet rosso, gamberetti in salsa rosa, tonno e carciofini, capricciosa, frittata hanno fatto da padroni, ricordando i tempi di casa, e dulcis in fundo tramezzino “girella alla nutella”. Gli ospiti hanno apprezzato questi sapori accompagnati da molta musica live del bravo Savio che coinvolgendo con allegria ha chiuso un pomeriggio di canti e balli. Un riconoscimento importante a conferma di una corretta visione di come deve essere una Casa di Riposo degli anni 2000, si è avuto con la partner-ship con il prestigioso Rotary Club Cuorgnè e Canavese per il progetto “Rompere la solitudine – Canavese Discovery”. Il programma permette un’ottimizzazione di metodo, tempo e risorse, in particolare nel progetto dell’attività assistita con gli animali, grazie all’Associazione The Dog Island di Rivarolo Canavese.

[su_slider source=”media: 143165,119356,151964″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

 

“E con questo abbiamo appena cominciato, molte saranno le iniziative dell’Umberto I di Cuorgnè tra cui il 26 maggio la Festa dei Compleanni e il 9 giugno la gita a Belmonte. Ogni iniziativa – afferma il Presidente, Ferdinando Domenico Nigra – è aperta a chiunque per favorire l’integrazione nel territorio dei nostri ospiti e di tutta la comunità. A breve ci saranno importanti novità attinenti l’attività sanitaria e assistenziale che vedrà protagonista l’Umberto I e la cittadinanza cuorgnatese, sempre all’insegna dell’attenzione prioritaria ai bisogni percepiti dalle persone anziane, anche al di fuori del contesto residenziale. Si sottolinea – sottolinea Nigra – che l’Umberto I è un IPAB (Istituto Pubblica Assistenza e Beneficenza) , senza scopo di lucro e con un’intensa attività sociale su tutto il territorio comunale e non solo, riconosciuto e valorizzato, negli anni, anche da parte delle amministrazioni comunali, che si sono alternate, indipendentemente dalla provenienza politica.”

[su_slider source=”media: 144690,132564,139264″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

GUARDA LE FOTO

[rev_slider alias=”urb”]

Leggi anche...