TORINO – Oggi a Palazzo Civico, nel corso di un incontro con i rappresentanti dei lavoratori, è stata ribadita la fortissima preoccupazione per l’annuncio da parte dei vertici aziendali di Italiaonline lo scorso 6 marzo, del taglio di 400 posti.  

ilbere
gymtonic

A distanza di due settimane la situazione appare in standby, spiega Alberto Sacco, assessore comunale al lavoro: “Non comprendiamo la scelta dei vertici di una società che ha chiuso il 2017 con un utile netto in crescita e che in queste settimane sta creando fortissima inquietudine. Si tratta di una determinazione ingiustificata. Chiederemo che l’azienda torni sui suoi passi impegnandosi in un piano industriale di rilancio che non metta a repentaglio il futuro dei lavoratori e delle loro famiglie”.

 

Domattina il Sindaco Chiara Appendino e l’assessore Alberto Sacco saranno a Roma, insieme ai rappresentanti dei lavoratori, per incontrare il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda e chiedere al governo di avviare il dialogo con il management al fine di sbloccare la vertenza sulla ipotizzata chiusura della sede torinese: “Una decisione che non è accettabile – conclude Sacco -. Se questa crisi non dovesse rientrare le ripercussioni occupazionali potrebbero estendersi anche a tutto l’indotto ex Seat, mettendo a rischio l’intero tessuto economico locale”.

growupcerimonie
giuanun
Allianz 2 modifica jpeg

 

Tritapepe
Pandolfini
primocontattolungonuovapertura

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.