MAPPANO – Dopo il botta e risposta tra il Sindaco Francesco Grassi e i Sindaci dei comuni cedenti delle scorse settimane, stamattina, mercoledì 28 febbraio, è stato convocato un tavolo tecnico -politico in Città Metropolitana.

L’obiettivo è definire un importante documento relativo al riparto di personale e di risorse fra Mappano e i cedenti. Sulla base delle indicazioni degli enti locali, la Città Metropolitana predisporrà una delibera d’approvare al prossimo consiglio metropolitano.

gymtonic
giuanun
Paonessa

Nella seduta pubblica di lunedì 26 febbraio il sindaco mappanese Francesco Grassi, ha sostenuto: “Mercoledì 28 febbraio ci sarà nuovo incontro con l’auspicio di arrivare a una sintesi sulla delibera della Città Metropolitana. Si desidera mettere il punto fine sulla ripartizione della risorse e del personale tra i cinque Comuni interessati”. Le intenzioni del primo cittadino di Mappano stridono con le volontà dei sindaci di Caselle e Borgaro. Una decina di giorni fa, infatti, l’avvocato Ferrara, ha notificato il ricorso nel quale s’impugnano le ultime variazioni di bilancio dei quattro ex concentrici. Il provvedimento non ha certo predisposto favorevolmente al dialogo i sindaci Luca Baracco e Claudio Gambino. Nella giornata di lunedì 26 febbraio, ancora, i due enti cedenti, hanno appreso che la Procura sta indagando sull’interruzione di servizio dovuta allo scioglimento unilaterale del Cim. Commenta il sindaco Luca Baracco: “Ho appreso della notizia dalla stampa locale. Nessun cittadino si è mai lamentato. Si è sempre cercato di garantire i servizi a Mappano. Probabilmente Grassi non sa di cosa sta parlando”.

growupprim
primocontattolungonuovapertura
Pandolfini

Aggiunge il primo cittadino di Borgaro Claudio Gambino: “ Ritengo che ci sia tutto il tempo per dialogare. Non vogliamo affossare il Comune di Mappano. Tuttavia il personale a disposizione è limitato. Se concediamo il nulla osta ai dipendenti, il Comune chiude”. Sulla questione personale così si esprime Grassi: “Sono stati fatti due bandi di mobilità. Sono arrivate delle richieste di trasferimento, ma attendiamo ancora il nulla osta dai cedenti. Il Comune lavora con il 15% del personale. Negli altri Comuni il rapporto tra dipendenti e abitanti è ben più alto. Non c’è stata concessa un’auto in comodato d’uso uso per la Polizia Municipale. I nostri vigili urbani sono costretti a muoversi a piedi, con i mezzi pubblici o con auto propria per notificare gli atti elettorali”. Nel consiglio ha osservato il consigliere Luigi Gennaro: “ Rischiamo che il Comune di Caselle indica un’azione legale contro Mappano. Era proprio necessario visto che erogava la maggior parte dei servizi?”.

Banner_730x100
Original Marines
Monalisa Ozegna ok 700×100

Ha concluso Grassi: “ I servizi erano garantiti dal Cim e ora si prosegue. Il comando di Polizia Municipale è indipendente. Per l’anagrafe non ci ha mai concesso personale”. A questo quesito rispondono in coro i Sindaci dei comuni cedenti: “Siamo disponibili a sedere al tavolo tecnico – politico del comune a patto che vi sia un ritiro scritto e non a parole del ricorso solo così potremmo dialogare con la municipalità di Mappano, altrimenti noi presenteremo un documento in Città Metropolitana su questa questione redatto di comune accordo tra tutti, poi sarà l’ente metropolitano che dovrà prendere una decisione in merito”.

Tritapepe
aronne
burgerbanner

Allianz 2 modifica jpeg
mafish nuovo 730×100
Monalisa Ozegna 700×100 2

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here