martedì 2 Marzo 2021

ELEZIONI – Tiraboschi e la bicicletta, tra introspezione ed economia turistica

ELEZIONI – «La bicicletta insegna cos’è la fatica, cosa significa salire e scendere, non solo dalle montagne. Insegna a vivere. Ho scoperto quale passione può essere quella per il ciclismo da quando mi sono trasferita nelle Langhe, le colline vitate più conosciute al mondo. Paesaggi che mi inducono a lunghi viaggi alla scoperta di me stessa. Sono i viaggi in solitudine che mi aiutano a mettere in ordine le idee e a pensare a nuovi progetti».

A raccontare su Facebook (www.facebook.com/virginiatiraboschicandidatasenato) di questa passione, che permette l’introspezione, è Virginia Tiraboschi, candidata al Senato nel collegio di Ivrea, Chivasso, Settimo e Chieri, con il Centro Destra.

In Italia, ricorda l’esponente di Forza Italia, il cicloturismo rappresenta una grande opportunità per le aree turistiche, non solo perché i paesaggi sono unici, ma anche perché il benessere e l’enogastromia sarebbero trainati fortemente, con evidenti ricadute economiche sul l’industria

turistica. Da uno studio europeo risulta, inoltre, che tra B&B, centri di assistenza e indotto vario, le “ciclovie” possono arrivare a creare fino a cinque posti di lavoro a chilometro.

Tiraboschi, imprenditrice del settore turistico, ricorda quindi, come sia attiva l’associazione “Ciclovia del Naviglio di Ivrea”, che si propone di dar vita a una pista ciclabile che, partendo dalla città delle Rosse Torri, arrivi fino al Sesia, seguendo i percorsi dei vecchi canali ottocenteschi, importanti vie di comunicazione e di economia che hanno fatto crescere il Regno Sabaudo.

«Si tratta di un importante progetto turistico che non si ferma a un solo territorio, ma coinvolge province diverse in un piano di sviluppo turistico ed economico di area vasta. Una idea da promuovere sicuramente anche a livello ministeriale, cosa che certamente farò una volta a Roma».

Virginia Tiraboschi – Candidata nel collegio Senatoriale Ivrea Chivasso Settimo

Leggi anche...