sabato 27 Febbraio 2021

BORGARO TORINESE – Archiviato il procedimento penale promosso dal gruppo Latella contro i vertici dell’attuale maggioranza

BORGARO TORINESE – In un tempo non molto lontano il gruppo consiliare di opposizione, Gruppo Latella, aveva inoltrato un esposto alla procura della Repubblica per un uso improprio dei locali comunali da parte di alcuni esponenti di questa maggioranza.

Dopo oltre un anno di attesa è arrivata la richiesta di archiviazione di questo procedimento da parte della Procura della Repubblica. Dopo aver esaminato tutti i documenti, il Gruppo Latella ha tratto alcune conclusioni: ”Fare opposizione, ovvero vigilare, controllare e garantire che le azioni poste in essere siano nell’esclusivo interesse della collettività. Questo il nostro ruolo. Nulla di più. Nulla di diverso. Non invidie personali e gelosie politiche, non atti a screditare le persone, ma atti rivolti alla verifica delle scelte e dei comportamenti della Maggioranza.”

[su_slider source=”media: 143165,125676,140168″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

“Detto ciò, – continua il Gruppo Latella ci corre l’obbligo evidenziare, come a seguito della richiesta di archiviazione del procedimento pendente dinnanzi al Tribunale di Ivrea (avviato d’ufficio nei confronti di alcuni esponenti della Maggioranza), a fronte dei documenti emersi durante le indagini, ci è sembrato doveroso, in qualità di amministratori, segnalare ulteriormente alcuni dati che non ci hanno convinto per far eventualmente emergere responsabilità e/o comportamenti non conformi alla legge. Anche perché, pensandola diversamente, passerebbe il messaggio per cui chiunque avrebbe diritto ad utilizzare il Comune come se fosse un bene proprio. E tale dato, per nostra valutazione politica, prima ancora che di buon senso, non appare accettabile. Tale tesi ci pare ancor più sostenibile, se ci si pone questa domanda. A parti inverse, nell’interesse della trasparenza amministrativa e per rispetto dei cittadini, quali azioni sarebbero state prese nei nostri confronti? Questa è la domanda che ci poniamo e al quale non abbiamo una risposta”.

[su_slider source=”media: 141879,139264,132564″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Uno degli indagati era In capogruppo di Maggioranza Giuseppe Ponchione che a caldo rilascia questa piccola dichiarazione: “Il mio commento su tutta questa vicenda è solo vergognoso, perchè è stata lesa la mia onestà di uomo, prima, e poi di consigliere comunale. Non ho mai preso nulla da nessuno e tanto meno utilizzato strutture comunali e risorse comunali per il mio tornaconto. La cosa che non mi va giù è stata la vergogna che mi hanno gettato addosso in questa storia; io che ho sempre guardato tutti negli occhi e quello che faccio lo faccio alla luce del sole. Al momento non ho ancora in mano nulla e quando avrò modo di leggere tutto, effettuerò le controdeduzioni in merito. Unica cosa che dico è che si è voluto fare una speculazione politica su persone oneste”.

[su_slider source=”media: 100996,100993,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Giuseppe Ponchione

[su_slider source=”media: 119356,116078,109265″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Leggi anche...