venerdì 22 Gennaio 2021

TORINO – Aggredisce un autista GTT e minaccia di morte l’ex compagna e la famiglia

Gli agenti lo hanno arrestato per resistenza a P.U.; a suo carico è scattata anche la denuncia per lesioni e minacce gravi

TORINO – Tutto è accaduto qualche giorno fa nel quadrilatero della Vallette compreso fra via delle Primule,  via delle Pervinche, Viale dei Mughetti; un cittadino italiano di 42 anni, F.R., subito dopo aver litigato con la compagna, che aveva troncato la loro relazione iniziata 2 anni prima, l’ha fatta scendere dall’auto di lei, per poi andare ad impattare alcuni istanti dopo con un bus della GTT, linea 29, fermo alla fermata “Glicini”.

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Sentito il tonfo, l’autista del mezzo è sceso per sincerarsi su cosa fosse accaduto e si è imbattuto nell’autista della 500 che lo aveva urtato. Questi gli ha intimato di andarsene e che non sapeva cosa mai volesse da lui. Successivamente ha aggredito l’autista, facendolo cadere dopo averlo colpito con calci e pugni, anche al volto, guadagnando così del tempo per allontanarsi; ma la sua targa è stata annotata e passata alle forze di Polizia. Il malcapitato, intanto, si è recato presso un ospedale cittadino, e, dopo essere stato dimesso con una prognosi di 10 giorni per contusione cranica e al volto, ha denunciato quanto accaduto presso gli uffici del Commissariato Madonna di Campagna.

[su_slider source=”media: 134413,135052,125676″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Nel frattempo, il personale della Squadra Volante giunto sul posto, è risalito alla proprietaria della 500, ex compagna dell’uomo, che intanto si era rifugiata a casa della figlia, poco distante. Lì i poliziotti hanno trovato sotto casa proprio F.R. Che voleva parlare con la donna a tutti i costi. Nonostante il fermo diniego da parte della ex compagna, alla luce anche della presenza nell’appartamento della figlia e del nipotino, l’uomo non voleva sentire ragioni e tentava in tutti i modi di introdursi all’interno dell’alloggio.

[su_slider source=”media: 134526,132564,133622″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Tentativo non andato a buon fine solo grazie all’intervento di ben 2 pattuglie della Polizia di Stato. Una volta ammanettato, nelle fasi di allontanamento, l’uomo ha urlato che avrebbe ucciso tutti, (cioè la sua ex fidanzata e la famiglia di lei), per quanto accaduto. Gli agenti lo hanno arrestato per resistenza a P.U.; a suo carico è scattata anche la denuncia per lesioni e minacce gravi.

[su_slider source=”media: 133233″ limit=”100″ link=”image” target=”blank” width=”1600″ height=”220″ title=”no” arrows=”no” pages=”no” mousewheel=”no” autoplay=”0″]

[su_slider source=”media: 134236,134237,110138″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]


[su_slider source=”media: 100996,100993,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[su_slider source=”media: 119356,116078,109265″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

 

 

Leggi anche...