venerdì 15 Gennaio 2021

PONT CANAVESE – Il Lions Club Alto Canavese ha presentato la “Breve storia del Concert dla Rua (FOTO E INTERVISTE)

PONT CANAVESE – Presentato ieri, sabato 18 novembre, presso la sala consiliare del comune di Pont Canavese, il volume di Gianfranco Schialvino, “Quando i balconi tornarono a suonare. Breve storia del “Concert dla Rua”.

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Il Lions Club Alto Canavese ha pubblicato per ogni suo anno sociale uno o più volumi, dedicando particolare attenzione alla promozione del territorio a cui appartiene. La scelta di quest’anno è andata alla storia del Concert dla Rua, un evento musicale che da oltre vent’anni si tiene dai balconi della Rua di Pont Canavese. La direzione è stata presa anche perchè il presidente del Lions Club Alto Canavese, Michele Nastro, è stato socio fondatore e segretario, e oggi vice presidente, dell’associazione Amis dla Rua.

[su_slider source=”media: 130297,132535,125676,110138″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Questa manifestazione, partendo dalla memoria dei concerti estivi eseguiti tanti anni fa dai musici delle due manifatture pontesi, ha dato origine a tante notti speciali attirando migliaia di persone, spinte dal fascino delle melodie, dalle coreografie allestite nella Rua e dalle immagini che Pietro Andrea Reinerio, socio onorario del Lions Club Alto Canavese, ha saputo ideare.

Questa storia è soprattutto una storia di passione per la musica, di amicizia per le persone, di orgoglio per i valori umani e sociali e, come per tante cose nella vita, una storia legata anche alla fortuna di aver avuto personaggi che hanno saputo impreziosirla con il loro contributo e con la loro presenza.

[su_slider source=”media: 119356,116078,109265,132564″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Il libro è stato scritto da Gianfranco Schialvino sulla base della documentazione fornita da Nadir Castagneri dai vari soci dell’associazione e della Filarmonica e dai bravi fotografi Walter Tinivellini e Piero Vaccarono.

Il “Concert dla Rua” è nato a Pont Canavese nei primi decenni del ‘900, per iniziativa dei fratelli Laeuffer e poi dei baroni Mazzonis, proprietari della locale Manifattura tessile.

Il concerto serale nella piazzetta della “Rua” era un momento importante delle feste d’estate. La caratteristica più originale e scenografica era quella di prevedere l’esibizione dei musicisti sia in strada che sui balconi della via principale del paese (ieri via Laeuffer oggi via Marconi), detta appunto la “Rua”, illuminata per l’occasione soltanto dalla luce delle fiaccole, in un’atmosfera romantica d’altri tempi.

Una suggestiva tradizione che è continuata fino alla metà degli Anni 30, per poi essere consegnata soltanto al ricordo nostalgico degli anziani del paese. Dopo un lungo periodo di oblio, ventidue anni fa, questo evento carico di ricordi e di emozioni, è stato ripreso per iniziativa dell’Associazione culturale “Amis dla Rua”. Una scommessa che si è rivelata subito vincente, perché da allora, anno dopo anno, la manifestazione ha conquistato un successo di pubblico sempre crescente, diventando uno dei concerti all’aperto più rinomati e caratteristici del Piemonte.

[su_slider source=”media: 130212″ limit=”100″ link=”image” target=”blank” width=”1600″ height=”220″ title=”no” arrows=”no” pages=”no” mousewheel=”no” autoplay=”0″]

Alla riuscita del Concerto hanno contribuito la scelta di un tema ogni anno diverso, per rendere ogni edizione unica e preziosa, l’eccezionale veste grafica della cartolina commemorativa abbinata alla manifestazione, sempre ideata per l’occasione da Pietro Reinerio, e la presenza di personaggi di assoluto prestigio.

[su_slider source=”media: 100996,100993,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

GUARDA IL VIDEO CON LE INTERVISTE

GUARDA LE FOTO 

 

Leggi anche...