mercoledì 23 Settembre 2020

CASELLE TORINESE – Un consiglio aperto sui problemi del vortex: il fenomeno della caduta delle tegole

SPECIALE ELEZIONI

L'affluenza, gli aggiornamenti in tempo reale dei risultati, le curiosità e tutto ciò che riguarda le elezioni.

CASELLE TORINESE – Nella serata di lunedì 18 settembre si è svolto un consiglio comunale aperto, richiesto maggiormente dai gruppi di opposizione per discutere del “vortex strike” il fenomeno molto noto che in determinate condizioni atmosferiche fa cadere le tegole dai tetti casellesi.

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Oltre a questo fenomeno un’altro tema molto importante sul tema di aerei è l’impatto ambientale sonoro sul territorio del comune casellese. Per trattare questo importante problema l’amministrazione casellese ha invitato a partecipare come parte attiva i vertici della Sagat, la società che gestisce lo scalo torinese, nelle persone di Dario Maffeo, Pietro Paolo Papale, Leonardo Gusman.

Dopo l’introduzione e del Sindaco di Caselle Luca Baracco la parola è passata alle opposizioni dove l’avvocato Luigi Chiappero ( Lista Martinetto ), Andrea Fontana ( Caselle Futura ), Alessandro Favero ( Lega Nord ), Enrica Ivaldi e Roberto Gianpietro ( Movimento 5 Stelle ), hanno portato una serie di quesiti che i vertici sagat hanno risposto in maniera esaustiva.

Un simpatico siparietto quello del Consigliere Andrea Fontana che esordisce: “Lo scorso 31 maggio durante un atterraggio di un aeromobile venivano smosse delle tegole con il fenomeno del “vortex strike” proprio a ridosso della Chiesa di San Giovanni da un caseggiato adiacente, ebbene un frammento di queste tegole l’ho conservato per poterlo donare a lei Avvocato Maffeo  dopo la stretta di mano da parte dei due esponenti il consiglio è ripreso. Ripercorrendo le fasi di questa questione, torniamo indietro di qualche mese è più precisamente al mese di febbraio dove tra il Comune di Caselle e i vertici Sagat è stato stilato un protocollo di intesa per far fronte a questo problema.

[su_slider source=”media: 124101″ limit=”100″ link=”image” target=”blank” width=”730″ height=”180″ title=”no” arrows=”no” pages=”no” mousewheel=”no” autoplay=”0″ speed=”0″]

In questo protocollo siglato in data 6 febbraio 2017, che prevede la costituzione di un fondo di durata di tre anni per il finanziamento di interventi di ripristino dovuti al fenomeno del “vortex strike”, la società Sagat si impegna con uno stanziamento di 20 mila euro annui per il ripristino e la prevenzione di questo problema. I vertici Sagat hanno esposto in maniera esaustiva il protocollo di intesa firmato e con l’aiuto di slide hanno toccato punto per punto i temi di maggior interesse. Uno dei punti fermi da parte di Sagat è che nel corso degli anni l’ampliamento della stazione aeroportuale torinese ha sicuramente portato benefici in tema occupazionale per il territorio, tema che il primo cittadino ha voluto rimarcare nel suo intervento e condiviso da tutti i membri del consiglio comunale.

Un’altro tema proposto è l’impatto acustico ambientale che l’aeroporto ha sul territorio di Caselle, per tenere costantemente monitorato i livelli di rumore prodotto dalle operazioni aeree, come previsto dal D.M. 20 Maggio 1999, sono attive dal 2007 nei territori limitrofi alla stazione aeroportuale 8 postazioni foniatriche fisse e una mobile che nel corso degli anni non hanno mai evidenziato uno sforamento di questa soglia. Le postazioni sul territorio Caselle  sono 3 e sono denominate Pozzo Bona, Ipsometro e Prato Fiera, le altre sono dislocate sui territori di San Maurizio e San Francesco al Campo, altre zone interessate dal decollo degli aerei. Dopo l’intervento dei vertici Sagat il Sindaco Luca Baracco ha aperto la discussione a favore del pubblico presente che però non ha voluto rivolgere domande ai vertici aziendali, per cui il consiglio ha chiuso i suoi lavori con l’impegno di un percorso comune che porti alla soluzione di questo problema.

[su_slider source=”media: 110138,119356″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[su_slider source=”media: 100996,100993,116078″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

regioneaprile
cofer1NuovaLocandinaPaonessacortinalocandmaggio2cortinamaggio2Original Marines
- Advertisement -

Leggi anche..

CASELLE TORINESE – Dal libro “Iole Girardis” è nato un progetto scolastico

CASELLE TORINESE – Un progetto didattico che nasce da un libro. L'autrice è Laura Graziano, alla sua sesta pubblicazione. Il libro...

IVREA – Pensionata smarrisce la valigia all’aeroporto di Caselle, ma dentro ci sono 2,5 milioni di euro

IVREA – Indagini in corso da parte della Guardia di Finanza di Ivrea su una valigia contenente 2,5 milioni di euro,...

CASELLE TORINESE – Volo d’urgenza dell’Aeronautica Militare per salvare una bimba di 5 anni

CASELLE TORINESE – Nella tarda serata di giovedì 20 agosto, un Falcon 900 dell’Aeronautica Militare è decollato dall’aeroporto militare di Ciampino...

CASELLE TORINESE – Incidente: chiuso il tratto di raccordo autostradale dalla 460 verso l’aeroporto

CASELLE TORINESE – Traffico in tilt sul raccordo autostradale “Torino-Caselle”, a causa di un incidente che ha reso necessaria la chiusura...

CASELLE TORINESE – Tre postazioni per i test Covid, all’aeroporto “Pertini”

CASELLE TORINESE – Test rapidi per i passeggeri di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna e Malta. All'aeroporto “Sandro...

Ultime News

MAPPANO – Nascono le “sentinelle” degli odori

MAPPANO - Sono diverse e numerose le segnalazioni che periodicamente il Comune riceve rispetto ad odori sospetti provenienti, in particolare, da...

TORINO – Deglutisce gli ovuli di droga e scappa, arrestato

TORINO - Il Nucleo Radiomobile ha arrestato un gabonese, di 36 anni, per detenzione a fini spaccio di stupefacenti, violenza e...

CUORGNÈ – Dal 25 al 27 settembre: “Emozioni Feline” alla Trinità

CUORGNÈ – A partire da venerdì 25 settembre, alle 15, l’ex Chiesa della Trinità a Cuorgnè, ospiterà la mostra personale di...

COVID – Obbligo di effettuare il test anche per chi arriva dalla Francia

COVID – Allargato l'obbligo di effettuare il test: ora dovranno farlo anche coloro che arrivano dalla Francia.

PONT CANAVESE – Le preferenze dei candidati consiglieri

PONT CANAVESE - Le preferenze ottenute dai candidati consiglieri delle due liste: Per Pont e Pont Rinnovamento e Continuità per il...
X