TORINO – Per non destare troppi sospetti, si servivano di un italiano per guidare l’auto con la quale erano soliti recarsi nella zona di spaccio.

Non avevano previsto la presenza, sul luogo, di agenti della Squadra Mobile, in abiti civili, in servizio di prevenzione ed osservazione. In particolare, i poliziotti notavano dapprima due giovani cittadini italiani attendere, in strada, in corso Trapani, qualcuno, mentre utilizzavano ripetutamente il cellulare. Subito dopo, giungeva una Fiat Punto con tre persone a bordo: alla guida un cittadino italiano.

Fermatasi, i due ragazzi che stavano attendendo in strada si sono avvicinati al passeggero dell’auto seduto sul sedile anteriore destro: questi ha passato ad uno dei giovani qualcosa, dietro la corresponsione di denaro. Gli agenti, nell’immediatezza, hanno fermato sia l’auto con i tre individui che l’acquirente, trovato in possesso di una dose di cocaina.

Advertising App ON 2

I pusher sono un senegalese di 23 anni ed un cittadino mauritano di 19, entrambi senza fissa dimora ed irregolari sul territorio nazionale. Nonostante un tentativo di ingestione degli ovuli, sono stati bloccati in tempo: gli agenti hanno, infatti, recuperato diverse dosi, per un peso complessivo di 12 grammi fra cocaina e crack.

Associazione Primo Contatto definitivo 700X100
Allianz 2 modifica jpeg

Quanto all’autista, si tratta di un cittadino italiano di 40 anni che, in cambio di modeste cifre di denaro, si prestava ad accompagnare i due pusher, così da destare minori sospetti anche in caso di controllo da parte delle forze dell’ordine. L’uomo, che risultava anche sprovvisto di patente in quanto revocata e recidivo, è stato denunciato per violazione della Legge sugli stupefacenti ed ai sensi dell’art. 116 del C. di S.

I due cittadini stranieri sono stati arrestati per vendita e detenzione di sostanza stupefacente in concorso.

Monalisa Ozegna 700×100 2
Monalisa Ozegna ok 700×100
Banner_730x100
Original Marines
mafish nuovo 730×100

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here