domenica 24 Gennaio 2021

CANAVESE / TORINO – SGOMINATA BANDA CHE ASSALTAVA I BANCOMAT (VIDEO)

Le rapine, ogni venerdì e sabato, a partire dal sono state realizzate a Reano, Trofarello, Piossasco, Collegno, Grugliasco, Frossasco, Favria, Fiano Torinese e in provincia di Genova

 

CANAVESE / TORINO – I carabinieri della Compagnia di Rivoli hanno sgominato una banda specializzata in assalti notturni a sportelli bancomat con travi di ferro, usate come ariete, ed esplosivi.

Diversi i colpi in provincia di Torino e Genova (Maggio e Luglio 2016,ndr). I militari hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere ad Antonio Cataldo di 37 anni, residente a Rivalta di Torino, Leone Adriano di 30 anni anch’esso residente a Rivalta di Torino, Franco Di Somma, 47 anni, abitante a Cirié, Valentino Morelli, 46 anni, abitante a Torino, Giulio Sabatino, 57 anni, abitante a Pianezza, ritenuti responsabili di furto aggravato e continuato in concorso, ricettazione, riciclaggio nonché detenzione  in luogo pubblico di materiale esplodente (In carcere per i primi quattro ed agli arresti domiciliari per il quinto).

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

La tecnica utilizzata dalla banda è quella della cosiddetta “marmotta”, ossia un ordigno che si inserisce all’interno degli sportelli per farli saltare. Il gruppo ha sempre utilizzato auto rubate per raggiungere le banche da assaltare. Due di loro si occupavano di forzare la fessura di erogazione delle banconote, realizzando una profonda apertura, mentre il resto del gruppo sfondava con un ariete, una trave di ferro, la porta a vetri d’ingresso della banca adiacente al bancomat.

Le rapine, ogni venerdì e sabato,  sono state realizzate a Reano, Trofarello, Piossasco, Collegno, Grugliasco, Frossasco, Favria, Fiano Torinese e in provincia di Genova.

[su_slider source=”media: 100996,100993,100995″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

L’analisi delle immagini della telecamere di videosorveglianza della banche assaltate e dei dati relativi al controllo del territorio (persone e mezzi fermati prima e dopo i colpi) hanno permesso ai militari di individuare la banda della “marmotta”.

[su_slider source=”media: 109265,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

GUARDA IL VIDEO

[su_slider source=”media: 110138″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Leggi anche...