PRASCORSANO – È deceduto l’Appuntato Quinto Buffo.

Aveva compiuto, lo scorso gennaio, la veneranda età di 104 anni ed era stato festeggiato dall’Arma dei Carabinieri, alla presenza del Colonnello Emanuele De Santis, Comandante Provinciale di Torino e del Capitano Domenico Guerra, comandante della Compagnia di Ivrea, oltre a quella del Sindaco di Prascorsano, Piero Rolando Perino.

L’Arma si recava a festeggiarlo tutti gli anni, da quando ne aveva compiuti cento. Era il carabiniere più anziano del Piemonte, emblema che Carabinieri si rimane per sempre.

Advertising App ON 2

Nato nel minuscolo comune altocanavesano il 16 gennaio 1913, Quinto Buffo, ultimo di cinque figli non ebbe vita facile. Si arruolò nell’Arma nel 1933: dopo tre anni di fermo alla Caserma Cernaia di Torino, fu assegnato prima ad Alessandria e poi alla stazione di Saliceto in Val Bormida, nel cuneese. Stava lavorando nel servizio postale per i Carabinieri in Grecia quando scoppiò il secondo conflitto mondiale. Venne fatto prigioniero ed attraverso l’Albania e la regione Balcanica, un po’ a piedi un po’ in treno, tra roccambolesche fughe e ripetute drammatiche catture, venne internato in un campo di prigionia in Polonia.

Banner_730x100
Original Marines
mafish orizzontale

Dopo gli orrori della guerra, tornò ad indossare l’uniforme dell’Arma, destinato prima alla stazione di Caselle e poi alla caserma Chiaffredo Bergia (ora comando Carabinieri Regione Piemonte) in piazza Carlo Emanuele II come autista, concludendo poi il suo incarico alla caserma di Venaria, fino al raggiungimento dell’anzianità di servizio nel 1953. In seguito ha ancora lavorato diversi anni per un’azienda della cintura torinese,s empre con l’incarico di autista.

I funerali verranno celebrati lunedì 5 giugno a Prascorsano.

Monalisa Ozegna 700×100 2
Monalisa Ozegna ok 700×100
Associazione Primo Contatto definitivo 700X100

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here